Nuova Lada Niva 2024: ritorno in Russia

La Lada Niva è restia ad abbandonare il mercato o a subire un vero e proprio cambio generazionale. Lada Niva si avvicina al suo 50° compleanno e, per affrontare il 2024, ha presentato importanti novità. Novità fondamentali per restare in un segmento in cui la concorrenza è molto agguerrita.

La veterana Lada Niva è determinata a continuare a combattere in un mercato in cui la concorrenza è vorace. È uno dei veicoli 4×4 più iconici e mitici creati dall’industria automobilistica russa. Un simbolo della potenza russa in un mercato in cui i produttori americani e/o giapponesi sono al centro dell’attenzione.

Lada ha annunciato nuove caratteristiche per la gamma Niva. Novità che permetteranno a questo modello, nelle sue due varianti (Legend e Travel), di affrontare l’anno 2024.

Il costruttore AvtoVAZ ha avviato la produzione in serie dei modelli 2024 della Lada Niva Legend e della Lada Niva Travel. I nuovi modelli presentano importanti miglioramenti nelle aree della sicurezza e dell’efficienza.

Dopo un processo di reingegnerizzazione e test di sviluppo, la Niva ha di nuovo l’ABS. Il sistema antibloccaggio è stato rimosso dall’elenco delle dotazioni di sicurezza quando Lada ha avviato una profonda ristrutturazione della sua offerta di prodotti. Un equipaggiamento considerato essenziale in Europa occidentale. Ebbene, finalmente è di nuovo disponibile e di serie su tutte le versioni.

L’altro grande cambiamento riguarda l’efficienza. La gamma Niva è ora conforme alla norma Euro 5 sulle emissioni. Si tratta della norma sulle emissioni applicata in Russia. Dopo aver apportato alcune modifiche alla meccanica (il marchio non ha specificato quali), i livelli di emissioni sono stati ridotti. Inoltre, nel caso specifico della Niva Travel, gli allestimenti top di gamma sono ora dotati di cruise control con limitatore di velocità e computer di bordo.

ADDIO RENAULT

Più di un anno fa, Lada ha dovuto modificare i piani futuri del suo modello di punta. Questi cambiamenti sono stati resi necessari dalle sanzioni imposte alla Russia a causa della guerra in Ucraina, che hanno colpito duramente l’industria automobilistica russa (ed europea). Queste sanzioni hanno costretto le case automobilistiche occidentali a lasciare il territorio russo.

L’uscita del Gruppo Renault dalla Russia ha portato alla cancellazione del progetto di sviluppo di una nuova generazione di Lada Niva. La nuova generazione sarebbe stata lanciata nel 2024 e si sarebbe dovuta basare sulla piattaforma CMF-B. La stessa architettura utilizzata dalla nuova Dacia Duster appena presentata.

Nella tabella di marcia stabilita all’epoca dal Gruppo Renault, Lada e Dacia avrebbero realizzato una serie di sinergie in modo che entrambe le aziende potessero supportarsi a vicenda nei mercati chiave. Inoltre, va notato che lo sviluppo della Lada Grand Niva, un’alternativa russa alla futura Dacia Bigster, fu cancellato. Purtroppo, queste sanzioni hanno costretto il Gruppo Renault a cedere il marchio Lada, nonostante il suo successo in Russia e all’estero.

A questo punto vale la pena chiedersi come se la passa il veterano in Europa. I dati di vendita della 4×4 di Lada sono stati naturalmente influenzati dalle già citate sanzioni contro la Russia. Tuttavia, a dispetto di quanto ci si potrebbe aspettare, la Niva continua a registrare immatricolazioni in Europa grazie al duro lavoro di alcuni importatori.

Lada ha immatricolato un totale di 961 unità di Niva nel 2022. Ciò rappresenta un calo del 46% delle immatricolazioni rispetto all’anno precedente. Nel 2023, nel periodo gennaio-ottobre, le vendite della Niva hanno totalizzato 168 unità, l’81% in meno rispetto all’anno precedente.