Mercato Auto: crollo del 17% negli Usa

Mercato Auto: crollo del 17% negli Usa

Mentre il mondo sembra pronto a uscire dalla pandemia, la carenza globale di chip e parti di semiconduttori sta incidendo sui numeri di vendita delle case automobilistiche. Anno dopo anno, il mercato statunitense dei veicoli leggeri ha visto un calo del 17% durante il mese di aprile. Le vendite di auto canadesi sono andate leggermente meglio, ma sono ancora scese del 13%. Non tutte le marche sono state colpite allo stesso modo.

General Motors, per esempio, ha trovato il modo di vendere più di 200.000 veicoli il mese scorso, secondo LMC Automotive, una società indipendente di intelligence e previsioni. LMC conferma che GM è stato l’unico produttore a rompere quella barriera grazie in gran parte al Silverado, il veicolo leggero più venduto in aprile.

I NUMERI DEL MERCATO AUTO

Dall’altro lato della medaglia, Toyota ha visto il volume totale delle vendite scendere di circa il 23% rispetto all’anno precedente. Le consegne sono state colpite dalla stessa percentuale e le consegne di Lexus sono calate di circa il 18% rispettivamente. Questo include un calo del 27% nelle vendite del Tacoma e un calo del 29% per la Highlander.

Anche la popolarissima Toyota Camry è scesa del 12%, mentre la sua sorella più economica, la Corolla, ha visto le sue vendite scendere del 21%. Un portavoce della Toyota ha detto che lo stock totale del concessionario era a sole 13.831 unità in tutto il paese. In Canada, le vendite sono scese di circa il 13,5% per Toyota, che lotta per costruire abbastanza auto per il Nord America.

Anche Ford, Honda, Kia e Hyundai hanno visto cali di vendite a due cifre. La carenza di chip è certamente una parte importante del problema, ma non è l’unica. Le forniture di pezzi di ricambio sono state anche ritardate dalle proteste e i tassi d’interesse più alti hanno reso l’acquisto di nuove auto meno allettante di quanto non fosse mesi fa.