HomeblogFerrari SF90 Stradale consegne ferme con la Pandemia

Ferrari SF90 Stradale consegne ferme con la Pandemia

Il lancio sul mercato della Ferrari SF90 Stradale è stato rinviato di diversi mesi a causa dei ritardi di produzione causati dalla pandemia del coronavirus. Secondo Autocar, le prime consegne della nuova hypercar ibrida plug-in avrebbero dovuto avvenire nella prima metà di quest’anno, ma i clienti non hanno ancora ricevuto le loro auto.

Come molte altre marche di auto, la produzione della Ferrari è stata duramente colpita dalla pandemia,con il suo impianto di produzione chiuso e la catena di fornitura interrotta per almeno due mesi. Durante il periodo di crisi, la Ferrari ha spedito il 48% di auto in meno nel secondo trimestre del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

La Ferrari SF90 Stradale è stata particolarmente colpita perché contiene più di 2.000 nuovi componenti. In una recente call l’amministratore delegato della Ferrari Louis Camilleri ha dichiarato agli investitori: “Anche se siamo fiduciosi che le consegne ai nostri clienti cominceranno all’inizio del 4° trimestre 2020, l’aumento della produzione sarà inevitabilmente ritardato.

I MOTORI DELLA FERRARI SF90 STRADALE

Presentata nel maggio 2019, la SF90 Stradale ha il primo motore ibrido plug-in di serie della Ferrari. La potenza deriva da un motore V8 turbo da 4,0 litri abbinato con tre motori elettrici, due dei quali indipendenti e situati sull’asse anteriore. Il terzo motore elettrico è noto come MGUK (Motor Generator Unit, Kinetic) ed è posizionato nella parte posteriore, alloggiato tra il motore e il cambio.

Tutti questi motori si combinano per produrre 1.000 CV, ed è per questo l’auto stradale più potente e più veloce che la Ferrari abbia mai prodotto. Scatta da 0-100 km/h in 2,5 secondi, 0-200 km/h in 6,7 secondi, e arriva a una velocità massima di 340 km/h (non limitata elettronicamente).

spot_img

ULTIMI POST