Ferrari conferma Fred Vasseur Team Principal

È ufficiale, la Ferrari ha un nuovo direttore sportivo, Fred Vasseur, che entrerà nella Scuderia Ferrari il 9 gennaio come Direttore Generale e Team Principal.

Questa mattina presto l’Alfa Romeo ha ufficializzato l’uscita di Vasseur e pochi minuti dopo la Ferrari ha annunciato ciò che era atteso da almeno un mese. Per la sua posizione sembrano forti le voci di Jost Capito, che ieri ha chiuso il suo rapporto con la Williams F1, e anche di Andreas Seidl, della McLaren, anche se con lui prende più forza l’opzione Audi F1, un progetto che sta partendo in vista del 2026 e che è legato alla stessa Alfa-Sauber.

Con oltre 25 anni di esperienza, Vasseur, ingegnere aeronautico di 54 anni, ha iniziato nelle formule minori fondando a metà degli anni Novanta il team ASM, che ha ottenuto grandi successi in Formula 3 e, nell’ultimo decennio, in Formula 3. Formula 1. Durante questo periodo, è stato anche ampiamente riconosciuto per il suo successo nel coltivare talenti, vincendo la GP2 nientemeno che nel 2005 (Nico Rosberg) e nel 2006 (Lewis Hamilton).

RIPORTARE LA FERRARI SUL PODIO

Recentemente Vasseur ha ricoperto il ruolo di CEO e Team Principal di Sauber Motorsport (attualmente Alfa Romeo F1 Team) dal 2017. In precedenza, è stato Team Principal del Renault F1 Team nel 2016.

Il suo incarico più urgente, porre fine alla penuria di titoli di squadra dal 2007 nei piloti e dal 2008 nei costruttori. Nello sforzo hanno fallito Domenicali, Mattiacci, Arrivabene e Binotto, che non hanno superato la maledizione di un italiano alla guida della Scuderia – Binotto è nato in Svizzera, ma di origini transalpine. Vedremo se il primo straniero dopo Jean Todt e altrettanto francese, sarà quello che tornerà alla gloria nella squadra in cui milita Carlos Sainz…

Intimo della famiglia Todt, il padre ex boss della Ferrari e presidente della FIA, e il figlio Nicholas, cofondatore della ART e rappresentante di piloti e tra questi Charles Leclerc, la posizione del monegasco nel team si rafforza con un contratto biennale sempre alla Ferrari, fino alla fine del 2024, lo stesso di Sainz. Non a caso, Charles è stato campione di GP3 con lui nel 2016 e suo pilota alla Sauber nel 2018.