Home blog Volkswagen: addio al Touch tornano i tasti

Volkswagen: addio al Touch tornano i tasti

0
104

Volkswagen cambia idea e torna a scegliere i tasti fisici al posto del touch.

Alla fine della scorsa estate, due studi comparativi indipendenti condotti in rapida successione hanno evidenziato alcuni punti deboli dei sistemi di infotainment touchscreen in termini di ergonomia e sicurezza. Il sistema MIB3 del Gruppo Volkswagen, introdotto con la ID.3 e la Golf VIII, è stato criticato per la complessità dell’attivazione di alcune operazioni di base e per la mancanza di retroilluminazione della tastiera capacitiva sotto lo schermo centrale. Thomas Schäfer, amministratore delegato della marca Volkswagen e membro del consiglio di amministrazione dell’omonimo gruppo, annuncia che la casa di Wolfsburg ha ascoltato le critiche e sta attualmente lavorando a comandi più ergonomici.

Immagine multimediale
Immagine
Il pannello di controllo sotto lo schermo non è illuminato; lo sarà presto.
Il pannello di controllo sotto lo schermo non è illuminato; lo sarà nel prossimo futuro.

Un nuovo volante per la prossima Tiguan
Alla fine di ottobre, Thomas Schäfer ha annunciato che Volkswagen avrebbe reintrodotto i pulsanti sul volante dei suoi veicoli. Il responsabile dell’azienda ha recentemente dichiarato ai giornalisti britannici di Car Magazine: “I volanti (modificati) arriveranno a partire dal prossimo anno. Inizialmente saranno presenti sulla nuova Tiguan”. Inoltre, afferma: “Una delle critiche era che i controlli capacitivi (volume audio e temperatura) non erano illuminati, quindi non erano visibili di notte. Questo problema è stato risolto ed è previsto per il prossimo anno. Saranno completamente illuminati. Per il resto, dovremo aspettare. I cambiamenti materiali avverranno a partire dall’inizio del 2024”.

IL RITORMO DEI TASTI

Per progettare la nuova interfaccia, Volkswagen ha scelto un approcci partecipativo. Ingegneri e tecnici presentano concept e modelli, che vengono poi valutati passo dopo passo dalla direzione e anche da persone esterne all’azienda. Thomas Schäfer spiega: “Dobbiamo fare appello a persone che hanno tutti i tipi di vita, compresa la loro età. Chiediamo loro: questo funziona per voi? Sì o no? Vediamo come le persone trovano semplici le funzioni. (…) Non si tratta solo di infotainment; bisogna sapere cosa è il contenuto e cosa è l’esperienza dell’utente. (…) Per un’azienda delle dimensioni della nostra trasformare completamente questo aspetto è un compito monumentale, perché bisogna sostituire 100 strumenti e cambiare altrettanti fornitori in tutto il mondo.”

Uno degli aspetti su cui Volkswagen sta lavorando è una migliore definizione delle priorità di accesso ai comandi. Thomas Schäfer spiega: “Ci chiediamo: quali sono le 10 funzioni di cui i clienti hanno sempre bisogno? E li collochiamo al primo livello dei pulsanti fisici. Poi le 20 funzioni successive, dove le mettiamo? Lavoriamo con la logica. E ci atteniamo ad essa. Non cambiamo alla leggera!

“Mettiamo un pulsante qui e un altro là, e poi il pulsante di avvio viene spostato. Quindi ora ci chiediamo: qual è l’identità del marchio? E qual è l’identità del prodotto? Che cosa abbiamo ancora come funzionalità e dove dovrebbe essere? Poi lo teniamo lì e manteniamo la coerenza tra i modelli”, continua.

Un’autocritica di questo tipo è rara se proviene dal capo di un’azienda come Volkswagen. È difficile non vederlo come un attacco al predecessore di Thomas Schäfer, Herbert Diess.