HomeblogAutomotive e clienti: la Classifica JD Power sulla fedeltà

Automotive e clienti: la Classifica JD Power sulla fedeltà

Mantenere la fedeltà dei clienti è molto importante per le case automobilistiche, ma quali sono i marchi che hanno più successo nel farlo? J.D. Power ha analizzato i dati delle vendite negli Stati Uniti nel 2019, con attenzione a marche e modelli commerciati.

L’azienda ha pubblicato il suo US Automotive Brand Loyalty Study 2020, che è giunto al suo secondo anno di pubblicazione, e utilizza i dati ottenuti dalla sua affiliata Power Information Network per verificare se un proprietario ha scelto lo stesso marchio del suo vecchio veicolo. La fedeltà dei clienti viene poi determinata in base alla percentuale di proprietari di veicoli che hanno scelto la stessa marca quando hanno acquistato o commerciato il loro veicolo successivo.

Tra i marchi premium, lo studio ha rivelato che Lexus ha il tasso di fedeltà più alto, pari al 48%, e che per il secondo anno consecutivo il marchio giapponese si è piazzato al primo posto. Al secondo posto troviamo Mercedes-Benz (47,8%), seguita da BMW (45,1%), Porsche (44,9%) e Audi (43,4%).

Sotto di loro, i marchi che non hanno superato il 40% sono Land Rover (39,6%), Acura e Volvo (entrambe 38,3%), Lincoln (37%), Cadillac (33,8%), Maserati (28,7%), Infiniti (27,7%) e Jaguar (20,7%).

Nel frattempo, Subaru si è classificata al primo posto tra i marchi del mercato di massa e al primo posto assoluto nell’industria automobilistica statunitense, anche per il secondo anno consecutivo, con un tasso di fidelizzazione del 60,5%. I primi tre marchi della classifica del mass market sono tutti giapponesi, con Toyota (60,3%) al secondo posto, mentre Honda (58,7%) si è piazzata al terzo posto.

Tra gli altri tre brand mass market che hanno superato la soglia del 50% ci sono Kia (51,3%), Ford (54,3%) e RAM (57,3%). Più in basso, troviamo Buick (27,5%), Mitsubishi (27,1%), MINI (26,4%), Dodge (17,8%), Chrysler (14,1%) e Fiat (10,4%) sotto la soglia del 20%.

“Ci sono molti fattori che contribuiscono alla fidelizzazione del marchio, che vanno dall’esperienza che il cliente ha nell’acquisto del veicolo alle sensazioni alla guida, ha detto Tyson Jominy, vice presidente di data & analytics di J.D. Power.

“I costruttori di auto sono davvero concentrati sulla fidelizzazione dei clienti, come dimostrano i piani di pagamento e gli incentivi che hanno offerto da quando è scoppiata la pandemia di Covid-19. Molti sono andati oltre per offrire ai clienti assistenza finanziaria durante un periodo di incertezza economica, il che fa molto per rafforzare la fiducia dei consumatori nel marchio scelto e riacquistarlo in futuro”, ha aggiunto.

spot_img

ULTIMI POST