HomeblogEstate Calda? Ecco come funziona il Climatizzatore della Bugatti Chiron

Estate Calda? Ecco come funziona il Climatizzatore della Bugatti Chiron

La Bugatti Chiron è in vendita da più di quattro anni e in questo periodo abbiamo già visto diverse varianti del modello. Tra queste la Sport, Super Sport 300+, Pur Sport, Pur Sport, Noire, Divo e persino la Voiture Noire. Tuttavia, la casa automobilistica francese ha qualcosa da dire sul suo prodotto, in particolare sull’impianto di condizionamento della vettura.

Non sembra molto entusiasmante, ma l’azienda lo ha ritenuto comunque adatto a dettagliare il sistema, data la quantità di ingegneria che è stata impiegata per svilupparlo. Secondo la Bugatti, gli europei di solito si sentono a proprio agio tra i 21 e i 22 gradi Celsius, mentre la maggior parte degli americani preferiscono che la loro temperatura AC sia di qualche grado più fredda.

“Per noi è importante assicurarsi che la temperatura selezionata sia stabilita rapidamente. Ma non ci devono essere correnti d’aria. Il sistema di condizionamento dell’aria funziona meglio quando gli occupanti non se ne accorgono. Dobbiamo assicurarci che non ci siano correnti d’aria o rumori solo così ci si sente a proprio agio”, ha spiegato Julia Lemke, coordinatrice tecnica degli impianti di climatizzazione Bugatti.

Secondo Lemke, nei veicoli convenzionali, l’aria viene forzata all’interno dell’abitacolo all’estremità inferiore del parabrezza, ma in una Bugatti questo avviene solo fino a circa 250 km/h. Oltre a ciò, c’è un interruttore per la pressione negativa, che richiede che la Chiron abbia un sofisticato sistema di controllo con un’aletta d’aria supplementare per garantire che l’aria continui ad entrare all’interno.

Ad aggiungere maggiore complessità c’è l’esterno aerodinamico della Chiron che le permette di raggiungere velocità ben oltre i 400 km/h, quindi il parabrezza è praticamente piatto con un’inclinazione di soli 21,5 gradi, con la superficie del vetro che raggiunge 1,31 metri quadrati. Questo è significativamente diverso da un’auto normale che di solito ha una superficie del vetro di circa 0,70 metri quadrati e un angolo di inclinazione di circa 30 gradi.

Ciò significa che l’interno del Chiron si riscalda di più a causa della maggiore radiazione solare che è accentuata con il tetto in vetro opzionale Sky View, una scelta popolare tra i clienti che ordinano l’auto.

Per far fronte a questo problema, i modelli Chiron sono dotati di un potente compressore per l’aria condizionata con una capacità di raffreddamento fino a 10 kW (13,4 cv) e due condensatori per l’aria condizionata. Il sistema è in grado di comprimere fino a tre kg di refrigerante al minuto da una pressione di circa due bar ad un’alta pressione fino a 30 bar. Bugatti dice che l’impianto è in grado di raffreddare un appartamento in Europa di circa 80 metri quadrati.

Un’altra considerazione fatta durante lo sviluppo è il posizionamento del compressore, in quanto è esposto a temperature ambientali molto elevate a causa della sua vicinanza al sistema di scarico. Per assicurarsi che funzioni come deve, è stato necessario un altro sistema di raffreddamento per garantire che il compressore sia mantenuto entro temperature di funzionamento sicure.

spot_img

ULTIMI POST