Mercato Auto, in Cina il Coronavirus spinge la recessione

Il mercato cinese ha cominciato a subire l’impatto del coronavirus.

Levendite di automobili sono in caduta libera. Secondo l’Associazione cinese dei produttori Automobili, i principali produttori di auto nel paese hanno venduto meno di 2 milioni di automobili in tutto il paese il mese scorso, con un massiccio calo del 18% rispetto al gennaio 2019. Il gruppo ha dichiarato che il coronavirus ha svolto un ruolo nel declino delle vendite di gennaio e ha avvertito che la flessione potrebbe essere ancora più pronunciata a febbraio.

Secindo i costruttori il virus fornirà un “enorme shock” all’industria dell’automobile e gli impatti saranno ben peggiori della Epidemia SAR del 2003 che ha precipitato le vendite di auto nel paese del 13% nell’aprile 2003 e dell’8% in maggio.

L’industria cinese dell’automobile che ha visto il declino delle vendite per 19 mesi consecutivi e la diffusione del virus potrebbe spingere il settore in una ancor più profonda recessione. L’Associazione dei produttori di automobili ha aggiunto il Coronavirus interrompere la catena di approvvigionamento del paese e può avere un “effetto farfalla” sull’industria automobilistica globale. Decine di siti produttivi automobilistici in tutta la Cina sono stati chiusi nelle ultime settimane e, mentre alcuni hanno iniziato a riaprire, l’Associazione ha rivelato che solo 59 su 183 fabbriche in Cina hanno ripreso la produzione.

Pin It on Pinterest