Mercedes-Benz Vision Simplex viaggio nel tempo

Mercedes-Benz rivendica l’invenzione della prima auto nel 1885. La Mercedes 35 PS del 1901, un vettura a due posti sviluppata dalla Daimler-Motoren-Gesellschaft (DMG) su richiesta del distributore di automobili Emil Jellinek, divenne la prima auto a indossare il nome Mercedes. Questo perché la società francese Panhard Lavassor possedeva il nome Daimler in Francia, quindi Jellinek battezzò la sua Daimler-Mercedes, dal soprannome di sua figlia, Mercedes.

Mercedes-Benz ha recentemente spostato il suo centro di progettazione dalle sponde del Lago di Como a Nizza.

Le auto prima della 35 CV erano carrozze con motori, quasi tutte infatti erano ancora costruite con telai di legno e con elementi di derivazione. Quando l’ingegnere DMG Wilhelm Bauer morì al volante di una di quelle carrozze, una Daimler Phoenix, nelle corse Nice-La Turbie del 1900, Jellinek chiamò Daimler per richiedergli di costruirgli 36 esempi di un’auto con alcune innovazioni. Voleva qualcosa di più leggero, con un passo più lungo, un motore posizionato più in basso nel telaio e un centro di gravità molto più basso, e l’accensione elettrica Bosch.

DMG costruì la 35 PS su un telaio in acciaio e impiegò un nuovo design e un radiatore elaborato da Wilhelm Maybach. Quando Jellinek iscrisse le sue nuove auto nella gara Nice-La Turbie del 1901, quasi tutte vennero premiate. Paul Meyan, presidente dell’Automobile Club francese, dichiarò: “Siamo entrati nell’era Mercedes”. I modelli Simplex a due e quattro posti seguirono e si basarono sulla prima mitica 35 PS, a cui fu dato il nome Simplex perché erano più facili da usare. La 35 PS era comunque una vettura complessa es aveva leve, pedali e controlli per gestire problemi come due sistemi di frenatura e accensione e fasatura della scintilla.