PROVA SU STRADA Seat Leon ST Cupra 2.0 TSI 300CV; quiete e tempesta

Parlare di station wagon induce a pensare alle solite noiose auto da buon padre di famiglia. Ecco dimenticatevi tutto questo. La mia prova è pronta ad archiviare per sempre tutte le immagini negative associate ad una wagon. Seat Leon ST Cupra è la familiare giusta per chi non ha intenzione di trovare un compromesso tra spazio e prestazioni. Frontale dominato da un’ampia calandra che integra i proiettori full led. Fiancata muscolare con cerchi da 19″, pinze freno rosse e specchietti esterni con finitura nera a contrasto. Retrotreno senza eccessi ma non manca il doppio terminale di scarico e relativo estrattore.
Il cuore di questa Leon è un 2.0 Tsi da 300Cv. Motore elastico ed altamente prestazionale strappa più di qualche sorriso sui tornanti di montagna. Il cambio automatico 6 rapporti Dsg è semplicemente perfetto. Grazie alle palette al volante (che potrebbero essere più grandi n.d.r.) consente di mitragliare le marce scaricando tutta la potenza a terra. Lo 0-100km/h è coperto in 5,7 secondi con progressione da lasciare senza fiato. L’elettronica tiene a bada la trazione ma è possibile disinserila per godersi qualche traverso. Insomma i numeri giusti ci sono tutti. Grazie al Seat driving profile possiamo selezionare il nostro stile di guida. Sono 3 le modalità preimpostate: comfort, sport e Cupra. Inutile dire che in modalità Cupra l’auto si scatena. Le sospensioni si irrigidiscono, lo sterzo si fa più diretto ed i giri motore schizzano al massimo. La Leon ST è quindi quiete e tempesta insieme. Volendo si può optare per la versione 4Drive a trazione integrale per non rinunciare alle prestazioni neanche sulla neve invernale. In termini di consumi difficile fare meglio di 6,5l/100km il che è anche ragionevole se pensiamo al tipo di motore di cui stiamo parlando.

Non mancano gli assistenti alla guida; front assist ( individua gli ostacoli e frena automaticamente), lane assist (evita l’abbandono involontario di carreggiata), abbaglianti automatici (ottimale visibilità anche di notte). Assolutamente necessaria la retrocamera che si rivela fondamentale nelle manovre di parcheggio. Nitida e precisa grazie alle linee di manovra aiuta ad avere un’idea chiara circa l’ingombro della vettura.

All’interno troviamo una plancia essenziale e ben assemblata. Al centro il navigatore con schermo da 8″ ed integrazione Apple car play ed Android auto. Optional che consiglio è il tachimetro digitale che permette di aumentare l’attenzione alla strada offrendo tutte le informazioni davanti al conducente. Il sistema di infotainment è stato implementato rispetto alla precedente generazione. Per cominciare è stato ridotto il numero dei tasti fisici ed il mirroring delle app è diventato più immediato ed intuitivo. A bordo il comfort è quello tipico di una wagon. Caricatore wireless per il cellulare, clima bizona, sedili comodi. Volendo si possono scegliere i sedili integrali più avvolgenti ma di contro rigidi. Tanto lo spazio anche per chi viaggia dietro; gambe e testa non hanno nulla da temere. Presente anche bracciolo centrale e bocchette del clima. Il bagagliaio ha una capienza di 587 litri che diventano 1470 abbattendo i sedili posteriori. Operazione facilitata dalle leve presenti nel vano bagagli.

Arrivati a questo punto tocca parlare di listino. Per portarsi a casa questa Leon Cupra ST il prezzo parte da 37.500 euro. Alla dotazione di serie che è comunque molto ricca (da oggi include anche display digitale in funzione di tachimetro) sono stati aggiunti accessori come il tetto panoramico o i listelli cromati sulla fiancata e sul tetto che hanno portato il prezzo finale poco oltre i 40.000 euro. Prezzo ragionevole se consideriamo motore, finiture e tecnologie di bordo.

Insomma se amate la velocità e le prestazioni Leon Cupra fa al caso vostro e sulla ST non c’è da rinunciare allo spazio per tutta la famiglia; poi volete mettere il divertimento nel sorprendere tutti con una wagon così?

Antonio Elia Migliozzi

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Instagram did not return a 200.