HomeanteprimeNuova BYD Seal sfida Tesla Model 3

Nuova BYD Seal sfida Tesla Model 3

Il produttore cinese BYD ha mostrato immagini ufficiali del veicolo elettrico Seal, che è basato sulla sua architettura e-platform 3.0. Si tratta dello stesso pianale del concept Ocean-X. Questo è il secondo modello della sua gamma Marine Life di veicoli elettrici, dopo il Dolphin che è stato il primo di questa serie.

Secondo CarNewsChina, la Nud Seal quattro porte misura 4.800 mm di lunghezza, 1.875 mm di larghezza e 1.460 mm di altezza con un passo di 2.920 mm, e come tale sarà in concorrenza diretta con la Tesla Model 3. Qui, la Seal ha in gran parte mantenuto la forma del concetto Ocean-X, dal X-design del suo volto, cofano e linee del profilo laterale.

LA CMPATTA ELETTRICA

Il BYD Seal EV è dotata di un’architettura elettrica a 800 volt e offrirà un’autonomia di crociera fino a 700 km, ed è alimentato dalla batteria BYD Blade EV che alimenterà il Seal nelle versioni a trazione posteriore e a trazione integrale. Le versioni a trazione posteriore sono offerte nelle varianti da 150 kW (204 CV) e 230 kW (312 CV), mentre la versione a trazione integrale ha un motore anteriore da 160 kW (217 CV) e un motore posteriore da 312 CV per una potenza complessiva di 530 CV.

Nella sua versione AWD più potente, BYD Seal promette uno 0-100 km/h di 3,8 secondi, mentre la cifra di 700 km di autonomia della batteria è probabile che provenga da una delle versioni a trazione posteriore della fastback quattro porte Seal.

Misurando 4.455 mm di lunghezza, 1.875 mm di larghezza, 1.615 mm di altezza con un passo di 2.720 mm, il SUV elettrico Atto 3 è più vicino per dimensioni alla Hyundai Kona Electric e alla Kia Niro EV.

Il BYD Seal dovrebbe fare il suo debutto pubblico dal vivo al Motor Show di Pechino questo mese. La produzione del sigillo sarà presso lo stabilimento BYD di Changzhou, dove la capacità produttiva annuale è prevista in 60.000 unità, e si punta a vendere 5.000 unità del sigillo al mese. Secondo CarNewsChina, il sigillo BYD è stato confermato per un lancio australiano, dove sarà etichettato come Atto 4.

ULTIMI POST