Home blog Ford taglia i costi, chiude le fabbriche in Brasile

Ford taglia i costi, chiude le fabbriche in Brasile

Poco dopo aver abbandonato i piani per una joint venture con Mahindra, Ford ha annunciato la ristrutturazione delle operazioni in Sud America.

La grande novità è la chiusura delle fabbriche di Camaçari, Taubaté e Troller in Brasile.

La produzione principale degli stabilimenti di Camaçari e Taubaté “cesserà immediatamente”, anche se la produzione di alcuni ricambi continuerà per alcuni mesi per costituire le scorte per le vendite aftermarket. Lo stabilimento Troller di Horizonte chiuderà nel quarto trimestre. L’azienda non venderà più EcoSport, Ka e T4 una volta esaurite le relative scorte.

Ford non ha detto quanti posti di lavoro saranno interessati, ma lo stabilimento di Camaçari impiega circa 4.600 persone. Allo stesso modo, circa 1.370 persone lavoravano nello stabilimento di Taubaté.

La mossa è piuttosto drastica, ma Ford ha affermato che “la pandemia COVID-19 amplifica la persistente inattività dell’industria e la lentezza delle vendite che hanno portato ad anni di perdite significative”. La casa automobilistica ha anche detto che non abbandonerà il Brasile perché manterrà il suo centro di sviluppo prodotti a Bahia così come la sua sede regionale a San Paolo.

UN SECOLO DI STORIA

In una dichiarazione, il CEO di Ford Jim Farley ha affermato: “Con più di un secolo in Sud America e in Brasile, sappiamo che queste sono azioni molto difficili, ma necessarie per creare un business sano e sostenibile. Ha aggiunto: “Stiamo passando a un modello di business snello e leggero, cessando la produzione in Brasile e servendo i clienti con alcuni dei migliori e più interessanti veicoli del nostro portafoglio globale”.

Ford ha detto che il Brasile riceverà la Bronco e la Mustang Mach 1, oltre al nuovo pick-up Transit e Ranger. Ford ha continuato dicendo che stanno progettando di “accelerare l’introduzione di diversi nuovi modelli connessi ed elettrificati“.

Ford si aspetta risparmi per circa 7 miliardi di dollari.

ULTIMI POST