HomeblogCrash Test da incubo, Auto contro Camper è morte certa!

Crash Test da incubo, Auto contro Camper è morte certa!

L’automobil club tedesco ADAC continua ad effettuare crash-test orientati al “mondo reale”. A giugno ha mostrato chiaramente il pericolo di trasportare carichi sfusi di grandi dimensioni in un’auto, e ora ha incidentato un camper da 3,5 tonnellate basato sul Fiat Ducato contro una Citroen C5 del peso di 1,7 tonnellate. Il risultato della loro collisione frontale è terribile.

CAMPER CHE PASSIONE

La popolarità dei camper in Europa è in crescita: solo in Germania, secondo il Ministero dei Trasporti, dal 2011 la popolazione dei camper è cresciuta del 77%, raggiungendo oltre mezzo milione di unità, e la pandemia di coronavirus COVID-19 con le sue restrizioni sui voli internazionali ha alimentato l’interesse del pubblico solo per i viaggi su strada. Tradizionalmente, la stagione delle vacanze in Europa raggiunge il suo culmine in agosto e settembre, quindi l’ADAC ha scelto il momento ideale per indicare cosa potrebbe succedere nel caso di un incidente stradale in camper.

I test sono stati effettuati con un Fiat Ducato, in quanto leader assoluto del segmento che rappresenta circa la metà dei camper in Europa.

IL TEST NEL DETTAGLIO

Fiat Ducato non ha mai partecipato ai test dell’Euro NCAP, ma la vecchia Citroen C5 nel 2009 ha ricevuto il massimo di cinque stelle della valutazione per la sicurezza nei test dell’Euro NCAP.

ADAC ha simulato l’impatto frontale a 56 km/h (questa è la velocità di ogni auto, non il risultato) con una sovrapposizione del 50% – in generale, un tipico “scontro” su una strada secondaria. Nel camper sono stati messi quattro manichini, tre dei quali adulti (conducente, passeggero anteriore, passeggero posteriore), il quarto – un bambino seduto su un seggiolino in seconda fila. Nella station wagon solo il conducente.

Come possiamo vedere, nel camper è sopravvissuto solo il passeggero anteriore, che però ha riportato delle gravi ferite. I passeggeri della seconda fila, un adulto e un bambino, sono stati tenuti in ostaggio da una struttura in legno a scaglie con una traversa metallica a cui sono fissati due sedili posteriori. Infatti, i sedili sono stati imbullonati a un mobile che è crollato all’impatto. I passeggeri hanno subito colpi mortali alla testa durante la fase di rimbalzo contro la struttura metallica dello schienale, che è stata esposta a causa del rivestimento che scivolava verso il basso.

La portiera del conducente del Ducato era bloccata all’impatto e poteva essere aperta solo con un attrezzo speciale. Inoltre, il camper all’impatto ha mostrato una tendenza a ribaltarsi.

Per quanto riguarda la Citroen C5, dopo la collisione, a giudicare dai carichi fissi, non c’era letteralmente più spazio vitale. Tale drammatica differenza nelle conseguenze si spiega con la maggiore velocità e il notevole peso del camper, più del doppio del peso della Citroen C5.

Il test ADAC conferma la bontà del nuovo programma di test Euro NCAP, che include un impatto con sovrapposizione del 50% contro un carrello da 1400 kg con una barriera deformabile montata su di esso.

spot_img

ULTIMI POST