HomeblogContinental e NVIDIA: il computer per la Guida Autonoma basato sulla AI

Continental e NVIDIA: il computer per la Guida Autonoma basato sulla AI

Continental sta accelerando lo sviluppo delle tecnologie future con un supercomputer che non ha rivali nell’industria automobilistica. Con il collegamento in rete di un sistema informatico basato sulla tecnologia di NVIDIA (InfiniBand-connected DGX), Continental sta ponendo una nuova pietra miliare nello sviluppo dell’intelligenza artificiale (AI). Ciò è necessario, ad esempio, per lo sviluppo di tecnologie nell’ambito della guida assistita, automatizzata e autonoma.

Il nuovo supercomputer è costituito da oltre 50 unità “NVIDIA DGX” collegate in rete. Queste unità lavorano insieme in un centro dati dall’inizio del 2020. Da questo nuovo cluster di computer, gli sviluppatori delle sedi Continental in tutto il mondo ottengono la potenza di calcolo e lo storage necessari per sviluppi altamente complessi e ad alta intensità di dati – compresi quelli relativi all’IA. Il nuovo supercomputer di Continental è classificato secondo l’attuale elenco dei supercomputer TOP500 come sistema top nell’industria automobilistica.

“Il supercomputer accelera il nostro sviluppo, che è all’avanguardia in termini di tecnologia”, ha dichiarato Christian Schumacher, responsabile dei sistemi di gestione del programma nella business unit Advanced Driver Assistance Systems di Continental. “Il computer di fascia alta sarà utilizzato per discipline software innovative come l’apprendimento profondo e le simulazioni guidate dall’intelligenza artificiale”, ha spiegato. “Con la potenza di calcolo che abbiamo ora acquisito, possiamo sviluppare i moderni sistemi di cui abbiamo bisogno per veicoli assistiti, automatizzati e autonomi in modo molto più rapido, efficace ed economico. Li usiamo per simulare i test drive fisici e di conseguenza abbiamo bisogno di un minor numero di viaggi su strada. Questo riduce significativamente il tempo necessario per la programmazione, compreso l’addestramento delle reti neurali artificiali”.

spot_img

ULTIMI POST