HomeanteprimeAlfa Romeo Giulia diventa Retrò: ecco la ErreErre

Alfa Romeo Giulia diventa Retrò: ecco la ErreErre

Alfa Romeo Giulia è uno dei modelli più amati dagli appassionati del marchio del biscione. In attesa del restyling ecco la versione retrò che strizza l’occhio al glorioso passato.

L’azienda torinese ErreErre Fuoriserie ha realizzato una carrozzeria speciale per l’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio con un design ispirato all’originale Giulia Tipo 105 degli anni ’60 come omaggio al suo 50° anniversario.

Il modello è stato presentato in sordina al Concorso d’eleganza auto d’epoca Poltu Quatu Classic in Sardegna, lo scorso fine settimana. Dopo i video e le foto postati online dai partecipanti all’evento, l’azienda ha svelato il modello completo, attraverso una galleria fotografica ufficiale. La carrozzeria personalizzata è realizzata in fibra di carbonio, con ErreErre Fuoriserie che ha impiegato un totale di 5 mila ore per lo sviluppo del design.

IL DESIGN RETRÒ

La parentela con l’Alfa Romeo Giulia odierna è evidente fin dalla carrozzeria, ma quasi tutto il resto è stato rinnovato ispirandosi al modello classico. Il frontale adotta un aspetto più squadrato con una coppia di fari rotondi su ciascun lato, integrati nella griglia in stile retrò accanto alla griglia Scudetto, decisamente più piccola. Il paraurti presenta prese d’aria rotonde e uno splitter in fibra di carbonio, il cofano è ventilato e i parafanghi sporgono dalle portiere anteriori creando un look decisamenteaggressivo.

Il profilo dell’Alfa Romeo Giulia ErreErre è caratterizzato dai cerchi fresati a CNC da 19 pollici in stile retrò con quindici piccoli fori. Tuttavia, è la parte posteriore che si distingue come la meno riconoscibile rispetto all’auto donatrice. I fanali posteriori a LED provengono da una Mercedes-Benz Classe G, mentre il portellone posteriore personalizzato presenta uno spoiler integrato che si estende fino ai parafanghi posteriori, sfumando nelle portiere posteriori. Un altro doppio spoiler è montato sul tetto, mentre il paraurti posteriore è più squadrato e presenta un grande diffusore con doppio tubo di scarico al centro. Gli interni rimangono inalterati, anche se il cliente può optare per nuovi materiali di rivestimento.

L’esclusiva Giulia non ha ricevuto alcuna modifica meccanica al motore o alle sospensioni adattive. Ciò significa che il V6 biturbo da 2,9 litri continua a produrre 510 CV (375 kW) e 600 Nm di coppia come nella normale Giulia Quadrifoglio.

ULTIMI POST