Home anteprime Nuova DS3 2023: il Restyling nel Rendering

Nuova DS3 2023: il Restyling nel Rendering

0
435

La DS3 Crossback si prepara al restyling di metà carriera. Il fratello minore della DS7 è stato spesso criticato per il suo frontale contorto, mentre l’integrazione della pinna di squalo della precedente DS3 sul portellone posteriore è tutt’altro che gradita ai passeggeri posteriori, in quanto ostruisce il loro campo visivo.

Il prototipo recentemente visto su strada ci permette finalmente di osservare le modifiche apportate alla DS3 Crossback. La prima delusione è che verrà mantenuta la linea praticare dei fari anteriori. I cordoni della borsa di Stellantis non sembrano aver accettato un nuovo investimento che avrebbe costretto i progettisti a ridisegnare il cofano, una sagoma estremamente costosa da correggere. L’attenzione principale del facelift si concentrerà quindi sul paraurti, che dovrebbe ispirarsi a quello della recente DS4. Meno cromata, a vantaggio dello stile, presenterà anche nuove luci diurne dall’aspetto più nitido.

LA NUOVA DS3 RESTYLING

Non chiamatela più Crossback.
Il posteriore della DS3 Crossback restyling non sembra essere stato ritoccato, secondo le immagini che vi mostriamo.

La scritta DS Automobiles dovrebbe comparire tra i due fari, che saranno a loro volta ridisegnati. Infine, nell’abitacolo, il chip cittadino dovrebbe limitarsi a un aggiornamento del sistema di infotainment, mentre la leva del cambio delle varianti automatiche sarà probabilmente sostituita da un pulsante più discreto.

Al Salone dell’Auto di Parigi?
Come sappiamo, DS sarà uno dei pochi marchi presente al prossimo Salone dell’Auto di Parigi, che si terrà a metà ottobre 2022. Un evento durante il quale il marchio premium di Stellantis probabilmente non presenterà solo la nuova DS7. È probabile che anche il fratello minore sarà presente alla Porte de Versailles, a meno che DS non decida di presentare una concept car. In ogni caso, il nuovo SUV DS3 dovrebbe iniziare la sua carriera nel 2023, approfittando di una revisione dei prezzi, come di consueto. Il traguardo dei 26.000 euro dovrebbe quindi essere felicemente superato.