Home prove Maserati Ghibli Hybrid GranSport 330 CV | Prova su strada

Maserati Ghibli Hybrid GranSport 330 CV | Prova su strada

0
227

Eccomi qui al volante della prima Maserati ibrida della storia. La Ghibli hybrid porta su strada l’elettrificazione del marchio con un 2.0 quattro cilindri che eroga 330 CV e 450 Nm di coppia massima.

Il design della Maserati Ghibli non passa certo inosservato con il frontale dominato dai fari full LED con tecnologia matrix che garantisco un’ottima illuminazione anche nelle condizioni climatiche peggiori permettendoci di viaggiare sempre con gli abbaglianti impostati evitando di disturbare i veicoli che ci precedono o provengono in senso contrario. La calandra a listelli verticali rende giustizia alle dimensioni della Maserati Ghibli che misura 1.95 m di larghezza, 4,97 m di lunghezza e 1,46 di altezza.

La fiancata mette in mostra i muscoli con i generosi cerchi in lega da 20″ e la linea di cintura che sale verso il retro valorizzando la silhouette dal fascino coupé. Nel retro si notano i nuovi fanali full LED che affiancano la nicchia della targa collocata sul baule. Il paraurti è impreziosito dall’impianto do scarico a 4 terminali che fiancheggiano il generoso estrattore centrale.

MASERATI GHIBLI SU STRADA

La Maserati Ghibli Hybrid porta all’esordio il nuovo motore benzina 2.0 a 4 cilindri con sistema ibrido leggero a 48 V. Derivato dal motore dell’Alfa Romeo Giulia Veloce Ti, il motore è stato potenziato ed esprime ora 330 CV e 450 Nm di coppia. Il booster ibrido permette all’auto di mettere in campo una discreta reattività in barba al peso finito nell’ordine dei 1878 kg. Il risultato è un’accelerazione 0-100 km/h coperta in 5,7 secondi e una velocità massima di 255 km/h.

Ottimo il comportamento del cambio ZF a 8 rapporti con palette al volante che ci permette di tirare fuori le massime performance anche nel misto stretto. Menzione speciale alle sospensioni Skyhook a controllo elettronico, di serie su questa versione GranSport.

Il secondo compressore volumetrico azionato dal sistema ibrido, la cui batteria si trova sotto il pianale del baule, permette di tagliare consumi ed emissioni. Nella mia prova ho registrato una media nell’ordine dei 10/12 km/l che significa fare, nel circuito misto, circa 8,5 l/100km. Nei fatti si tratti di dati accettabili ma attenzione. In modalità sport e a gas spalancato sarà facile scendere sotto queste cifre che finiranno per rivelarsi fin troppo ottimistiche. Elastico e spigliato il 4 cilindri si rivela un compagno instancabile sulle lunghe percorrenze e, sebbene perda il timbro del 5 cilindri, diverte ed è anche capace di strappare qualche sorriso.

GLI INTERNI

L’abitacolo di Maserati Ghibli lascia stupiti per la cura e l’attenzione al dettaglio che trasuda in ogni aspetto a cominciare dai pannelli porta. La plancia è dominata dallo schermo da 10,1″ previsto per il sistema di infotainment centrale con interfaccia Maserati Connect. Il quadro strumenti resta analogico ma presenta uno schermo a colori centrale da 7 pollici attraverso il quale gestire i media piuttosto che la navigazione.

Facile il mirroring dello smartphone, wireless sia per Apple Car Play che per Android Auto, e che ci permette di avere a portata di mano tutte le app del nostro device. Tra le dotazioni il nuovo “Maserati Intelligent Assistant” che rende possibile il controllo vocale della vettura basterà infatti pronunciare le parole magiche “Ehi Maserati” per interagire con tutti i sistemi della vettura attivando, ad esempio, il climatizzatore trizona. Non manca infine l’assistente vocale Amazon Alexa. Belli e funzionali i sedili a 12 vie regolabili elettronicamente. Tripudio di eleganza e artigianalità italiana sfoggiano la “pelle tessuta” del maestro Ermenegildo Zegna. Tra gli accessori non può mancare l’impianto audio firmato da Bowers & Wilkins a 15 altoparlanti (di serie è previsto quello Harman Kardon con 10 altoparlanti).

Ricca la dotazione sul fronte dei sistemi di sicurezza e assistenza alla guida. Maserati Ghibli presenta un lista completa di ADAS che portano a bordo dell’auto tutti i vantaggi della guida autonoma di secondo livello. Tra i dispositivi: frenata automatica d’emergenza, sensore angolo cieco, mantenimento attivo della corsia, sensore stanchezza conducente, avviso traffico posteriore e sistema di telecamere a 360°.

Il listino di Maserati Ghibili Hybrid parte da circa 74.000 euro ma se si opta per gli allestimenti top di gamma Granlusso e Gransport si toccano facilmente i 100.000 come nel caso dell’esemplare protagonista di questa prova su strada.