Nuova Volkswagen Golf 8 2020, tutti i dettagli sarà ibrida GTE

La nuova Volkswagen Golf Mk8 Golf sfoggierà il nuovo logo del brand, con la vettura che è stata avvistata nei test anche nella variante PHEV. All’interno, Autocar afferma che la berlina di prossima generazione dovrebbe seguire la tendenza emergente che vede la riduzione dei dati fisici. Il capo del design Klaus Bischoff ha affermato che l’interno del Mk8 Golf sarà un ambiente “totalmente digitale”.

Dentro i touchscreen rimpiazzeranno il quadro strumenti convenzionale e i controlli climatici e anche l’interruttore delle luci potrebbe essere sostituito da un touchpad. “La nuova Golf sarà tutto ciò che la gente ha amato per anni, ma ora reso digitale”, ha dichiarato il capo marketing della Volkswagen Jürgen Stackmann.

Come detto i modelli meno venduti, vedi la 3 porte e la wagon, verranno abbandonati in risposta agli investimenti legati alla crescente domanda di SUV e crossover. Gli addetti ai lavori hanno dichiarato alla rivista Autocar che la nuova Golf 8 ha lo scopo di attirare i clienti che intendono lasciare modelli premium più grandi come la Mercedes-Benz Classe C e la BMW Serie 3.

MK8 Golf sarà un’evoluzione dell’attuale Mk7 e continuerà a utilizzare la piattaforma MQB ma opportunamente aggiornata. L’attuale unità turbo benzina TSI da 1,5 litri sarà affiancata da un tre cilindri da 1,0 litri e un diesel da 1,5 litri completamente nuovo, quest’ultimo probabilmente un ibrido leggero da 12V. Questa configurazione ha lo scopo di ridurre il carico sul motore e ridurre le emissioni di NOx, afferma Autocar.

Una voce curiosa, secondo la rivista, è che le unità da 1.0 potrebbero non essere turbocompresse, e invece fare affidamento sull’assistenza diretta di un motore di avviamento a cinghia (SGM). L’idea è che SGM fornirà assistenza sufficiente per i motori entry-level, consentendo la rinuncia al turbocompressore e ai relativi sistemi idraulici, di raffreddamento e di controllo.

Cibridoi sarà anchr il mild hybrid da 48V, che consente di recuperare più energia cinetica rispetto ai sistemi a 12V. La chiave di un’architettura a 48 V in un modello VW mainstream come il Golf è una configurazione più compatta e meno costosa che comprende un convertitore DC / DC più piccolo e una batteria agli ioni di litio più piccola,. Finora le configurazioni a 48 V ibride nel gruppo VW sono state utilizzate in modelli premium come Audi SQ5, S6 e S7.

GOLF 8 TECH

La nuova Volkswagen Golf 8 avrà la connettività Internet permanente con i suoi nuovi interni, che consentirà la mappatura satellitare 3D, la ricezione radio ibrida (il sistema audio cerca il segnale più forte, sia analogico che digitale), nonché le informazioni in tempo reale come i prezzi del carburante nelle vicine stazioni di servizio.

Ci sarà anche l’implementazione delle impostazioni predittive del gruppo propulsore, che sfrutta i dati cartografici, come salite e discese, per regolare i consumi. È inoltre previsto un ulteriore sviluppo delle tecnologie di guida autonoma, compreso l’attuale funzione Traffic Jam Assist.