La Guida Autonoma Usa non sopravvivrà in Europa

Startup come Oxbotica, FiveAI e Wayve che stanno testando auto a guida autonoma in Gran Bretagna dicono che il vecchio continente è una opportunità unica con strade e ambienti particolari. Alphabet, Waymo, Uber, Aurora e altri gli altri big Usa hanno deciso di non lavorare un Europa.

Facendo un paragone con i loro rivali americani, le startup europee affermano di essere state costrette a diventare creative per concentrarsi su tecnologie più economiche e più su misura che potrebbero far fronte a un forte a situazioni particolari come un nubifragio su una strada trafficata di Londra.

“Un’auto addestrata a guidare sulle autostrade dell’Arizona non sopravviverà nelle strade di Croydon, è un ambiente completamente diverso”, ha detto Alex van Someren, investitore in venture capital presso Amadeus Capital, che ha una partecipazione nella startup a guida autonoma FiveAI .

Le start-up europee sperano che sviluppando sistemi e software che funzionano nelle circostanze più difficili, saranno in una posizione privilegiata quando le aziende degli Stati Uniti si espandono in nuove regioni per mautoettere alla prova la loro guida autonoma.

Secondo il Boston Consulting Group (BCG), il mercato dei veicoli ad alta tecnologia connessi dovrebbe generare circa un giro d’affari da 150 miliardi di dollari entro il 2035. Alcuni investitori stimano che un quinto delle vendite globali di auto nuove saranno driveless entro il 2030.

Dal 2014 gli investitori hanno investito 70 miliardi di dollari in oltre 3.400 aziende coinvolte nella “nuova mobilità”, che vanno dalla guida autonoma alla connettività.