General Motors dieta shock: taglia dipendenti e modelli

General Motors prevede di iniziare a licenziare oltre 4.000 lavoratori a partire da lunedì mattina. In una dichiarazione rilasciata ai media, un portavoce della casa automobilistica ha dichiarato: “Non stiamo confermando i tempi, i nostri dipendenti sono la nostra priorità e prima comunicheremo con loro”.

Ci si aspettava di arrivare a questo punto dal novembre 2018. All’epoca, la casa automobilistica con sede a Detroit annunciò che avrebbe cercato di tagliare ben 8.100 dipendenti, chiudere cinque impianti di assemblaggio in Nord America e cancellare diversi modelli di vendita a bassa redditività. Un mese prima, GM ha offerto pacchetti di buyout a 18.000 lavoratori e ha affermato che avrebbe cercato di ridurre la propria forza lavoro globale del 25%. Un portavoce ha detto che le mosse erano “misure proattive per anticipare la curva accelerando i nostri sforzi per affrontare le prestazioni aziendali complessive”.

Si prevede che le riduzioni dei costi consentiranno di risparmiare GM fino a 2,5 miliardi di dollari nel 2019 e fino a 6 miliardi di dollari entro il 2020.