HomeblogDal 2024 addio alla Ford Focus

Dal 2024 addio alla Ford Focus

La Ford Focus, l’auto familiare che ha incarnato la rinascita dell’azienda negli anni ’90 ed è diventata icona del segmento sarà eliminata nel 2025, vittima del passaggio di Ford alle elettriche.

La notizia è arrivata in concomitanza con l’annuncio di Ford di voler terminare la produzione di auto nello stabilimento di Saarlouis, in Germania, dove attualmente viene prodotta la Focus. Saarlouis era in lizza per la produzione della prossima generazione di veicoli elettrici di Ford, ma ha perso a favore dello stabilimento di Valencia, in Spagna.

“Nel nostro ciclo di pianificazione non abbiamo un modello aggiuntivo che vada a Saarlouis”, ha dichiarato ai giornalisti il presidente di Ford Europa Stuart Rowley, aggiungendo che Ford sta studiando “altre opportunità” per l’impianto, tra cui la vendita a un’altra casa automobilistica.

È chiaro che ciò comporterà la perdita di posti di lavoro in Germania, anche se è ipotizzabile che alcuni lavoratori possano essere trasferiti all’altro stabilimento tedesco di Ford a Colonia, che dovrebbe iniziare la produzione di un nuovo crossover basato sull’architettura elettrica MEB di VW nel 2023. Automotive News riporta che attualmente a Saarlouis lavorano 4.600 persone.

IL LUNGO ADDIO A FORD FOCUS

Ford ha avvertito che anche Valencia può aspettarsi una riduzione del numero di dipendenti, nonostante l’aggiudicazione del contratto per le auto elettriche di nuova generazione di Ford.

Nello stabilimento spagnolo, dove vengono prodotti il crossover Kuga, i minivan S-Max e Galaxy e il Transit Connect, lavorano circa 6.000 persone. Fino a poco tempo fa vi si costruiva anche la Mondeo di segmento D, che Ford ha bloccato nella primavera del 2022 per far fronte al calo delle vendite, con il passaggio a SUV e crossover.

Il marchio Mondeo è stato un punto fisso negli showroom Ford europei per quasi 30 anni, ma Ford ha dimostrato più volte di non essere un sentimentale. L’azienda ha abbandonato il nome Escort, vecchio di tre decenni, nel 1998, quando ha introdotto il suo sostituto, scegliendo invece Focus per sottolineare il cambiamento radicale che rappresentava rispetto al passato.

ULTIMI POST