Best Global Brands 2020, due Brand Automotive tra i primi 10

Interbrand ha annunciato i marchi che hanno ottenuto i migliori risultati nella sua classifica dei Best Global Brands 2020.

Come previsto, i marchi dei social media e della comunicazione hanno ottenuto buoni risultati negli ultimi 12 mesi, con Instagram (#19), YouTube (#30) e Zoom (#100) che entrano per la prima volta in classifica. Tesla è rientrata nella classifica al numero #40 con un valore del marchio di 12.785 milioni di dollari, era apparsa per l’ultima volta nella tabella dei Best Global Brands nel 2017.

Anche le aziende del settore media hanno visto il successo tra le turbolenze create da Covid. Spotify (#70), ha visto il valore del marchio aumentare del 52% a 8.389 milioni di dollari, saltando 22 posti in classifica, mentre Netflix è salito a #41 con un aumento del 41% a 12.665 milioni di dollari. I modelli di business hanno giocato un ruolo importante in questo successo, con una crescita notevole dei servizi in abbonamento.

https://www.autoprove.it/2020/07/17/automotive-e-clienti-la-classifica-jd-power-sulla-fedelta/

Top Ten

Amazon si è classificata al secondo posto e ha aumentato il valore del marchio del 60%, con una valutazione di 200.667 milioni di dollari. Mentre Apple ha mantenuto il suo primo posto nella classifica, l’aumento di valore di Microsoft quest’anno (166.001 milioni di dollari) la porta a superare Google (#4) ottenendo il terzo posto. Google è uscito dai primi tre posti per la prima volta dal 2012. Nel frattempo Samsung #5 (62.289 milioni di dollari) è entrato per la prima volta nella top five.

Il resto della Top 10 comprende: Coca-Cola #6 (56,894 milioni di dollari), Toyota #7 (51,595 milioni di dollari), Mercedes-Benz #8 (49,268 milioni di dollari), McDonald’s #9 (42,816 milioni di dollari) e Disney #10 (40,773 milioni di dollari). I primi dieci marchi rappresentano il 50% del valore totale della tabella di quest’anno.

Effetto Covid

La classifica dei Best Global Brands del 2020 ha visto anche l'”effetto Covid”, con la chiusura dei negozi a livello globale che ha fatto scendere i valori del marchio Zara (#35) e H&M (#37) rispettivamente del 13% e del 14%, con entrambi in calo di almeno sei posti in questa classifica. Dopo due anni di crescita, nel 2020 i marchi del lusso hanno proseguito nel trend positivo tranne uno (Hermes #28) che con un calo tra l’1 e il 9%.

Il Valore

Il valore complessivo della tabella è salito a 2.336.491 milioni di dollari (+9% rispetto al 2019). Il motore della crescita della tabella è il comparto big tech. La crescita media del valore del marchio tra tutti i marchi è stata del 14%. La crescita media dei marchi della tecnologia e delle piattaforma tecnologiche è stata del 20%. I marchi di piattaforme tecnologiche e tecnologiche rappresentano ora il 48% del valore totale della tabella rispetto al 17% del 2010. I primi 3 marchi della tabella (tutti tecnologici) rappresentano il 30% del valore dell’intera tabella, contro il 16% del 2010.