Volvo vende i suoi crediti per le Emissioni di CO2

I modelli ibridi di Volvo vendono bene in Europa. I dati permettono alla società non solo di raggiungere comodamente il target medio di emissioni di CO2 dell’UE quest’anno, ma anche di considerare la possibilità di vendere i propri crediti di CO2 alle case automobilistiche rivali che stanno lottando per rispettare le nuove regole.

Secondo la legislazione dell’UE, le case automobilistiche che vendono auto in Europa devono ridurre le emissioni medie di CO2 della loro flotta a 95 g/km o affrontare enormi multe. Le regole permettono anche alle case automobilistiche di generare crediti di CO2 quando vendono veicoli completamente elettrici o ibridi, che possono essere utilizzati per aiutarsi a vicenda a rispettare i nuovi limiti alle emissioni di CO2.

Volvo ha detto che quasi un’auto su tre venduta in Europa quest’anno è stata ibrida, insieme a un piccolo numero di veicoli elettrici con entrambi i marchi Volvo e Polestar.

“Siamo in una buona posizione. Sicuramente non pagheremo multe. In realtà, possiamo sostenere i nostri concorrenti se lo desiderano” ha dichiarato al Financial Times il direttore finanziario di Volvo Carla de Geyseleer.

Il CFO di Volvo ha aggiunto che la società non è attualmente in trattative con nessuno. L’acquisizione di crediti di CO2 dalle case automobilistiche concorrenti è una pratica sicura per evitare pesanti multe europee. Fiat Chrysler si conformerà alle regole dell’Unione Europea dopo aver acquistato crediti da Tesla, mentre VW ha firmato un accordo con MG dopo aver affrontato ritardi nel programma di lancio della propria EV, approfittando della forte domanda del SUV elettrico ZS.

Volvo ha anche annunciato la vendita della sua prima “obbligazione verde” per 500 milioni di euro aggiungendo che il denaro sarà utilizzato per investimenti in futuri modelli elettrici.