Tutto sugli interni Vegani e Riciclati della Polestar 2

Condividi

Il marchio svedese Polestar ha deciso di focalizzare ulteriormente la sua attenzione sulla sostenibilità a tutto tondo dei suoi veicoli. Nel tentativo di ridurre il peso, il contenuto di plastica e i materiali di scarto, Polestar ha deciso di impiegare solo materiali naturali e riciclati.

Ad esempio, le tecnologie powerRibs e ampliTex di Bcomp possono trasformare le fibre naturali in pannelli interni leggeri per auto. Si dice che un tale bio-materiale sia ideale per l’uso nei programmi di rotazione delle colture.

“È chiaro che per essere veramente sostenibili dobbiamo valutare ogni elemento che va nelle nostre auto”, ha affermato Thomas Ingenlath, CEO di Polestar. “Per Polestar, la sostenibilità non riguarda solo la trasmissione elettrica. Con lo sviluppo di queste nuove soluzioni innovative che introdurremo nelle nostre auto future facciamo una forte dichiarazione delle nostre intenzioni.”

Per i sedili, un materiale in maglia 3D può essere implementato in modo da ridurre gli sprechi e promuovere le fonti di materiale riciclato. Funziona grazie a un singolo filo utilizzato per produrre componenti tridimensionali, mentre il materiale di base è filato riciclato al 100% derivato da bottiglie in PET.

Anche l’industria vinicola e quella della pesca possono contribuire, con il sughero e le reti da pesca riciclate e incorporate all’interno degli interni delle auto. Ad esempio, i materiali di scarto del processo di produzione del sughero possono essere integrati nella componentistica interna in PVC, mentre il Nylon 6 riciclato (derivato da reti da pesca scartate) può essere trasformato in tappeti tessuti.

“È importante sottolineare che non è necessario sacrificare design e lusso con questi materiali”, ha dichiarato il capo del design Polestar Maximilian Missoni. “Consentono esecuzioni ancora più premium, all’avanguardia, moderne ed eleganti. Siamo in grado di derivare nuova estetica da nuovi contesti e tecnologie, permettendo alla società di andare avanti. “

Condividi