In Giappone il restauro della Toyota Supra Castrol Racing

Una iconica Toyota Supra Racing di Castrol TOM è stata ritrovata abbandonata in Giappone. La squadra corse Tom’s ha intrapreso un progetto per riportarla al suo antico splendore.

Questa Supra è forse il veicolo più riconoscibile che abbia mai gareggiato nella serie Super GT giapponese ed è stata la vettura che ha acceso la rivalità tra Nissan e Toyota.

Dopo una carriera di successo come auto da corsa, il veicolo è scomparso dai radar fino a quando non è stato trovato in un deposito nella regione di Chugoku in Giappone. Non è ancora chiaro come l’auto sia finita nel deposito, ma probabilmente è rimasta lì per molti anni. La TOM’s Racing sta conducendo il restauro raccogliendo donazioni per realizzarlo. Avviata una campagna di crowdfunding che vuole raggiungere il traguardo dei 50.000.000 di yen (466.000 dollari). Al momento in cui scriviamo, sono stati raccolti 990.000 yen (9.233 dollari).

Il primo obiettivo di finanziamento del team è di 10.000.000 di yen (93.000 dollari) e prevede un restauro dell’esterno e dell’interno della Toyota Supra. Il secondo obiettivo di finanziamento è di 30.000.000 (279.000 dollari) e renderà l’auto di nuovo operativa. L’obiettivo finale di 50.000.000.000 di yen è quello di riportare l’auto su una pista da corsa.

La Castrol TOM’s Racing Supra ha fatto il suo debutto durante il Campionato All-Japan Grand Touring Car Championship 1995. Competendo contro la Nissan Skyline la Toyota decise di non utilizzare il motore 2JZ del modello da strada e scelse lo stesso propulsore 3S-GT turbo da 2,0 litri della Toyota Celica WRC, capace di 493 CV e oltre 600 Nm di coppia.