La 24 ore di Le Mans 2021, rinviata a settembre la sorpresa virtuale

La 24 Ore di Le Mans si svolge sempre alla fine della 24a settimana dell’anno. Nel 2020 la corsa era organizzata durante il fine settimana del 13 e 14 giugno.

A causa della crisi sanitaria causata legata al coronavirus, come nel 1968, la gara sarà disputata a settembre. L’88° edizione della 24 Ore di Le Mans si svolgerà il 19 e 20 settembre 2020.

Come l’anno scorso, Toyota è la favorita. Affidabili e veloci, i loro motori ibridi TS050 hanno già vinto le edizioni 2018 e 2019 nelle mani di Fernando Alonso, Sébastien Buemi e Kazuki Nakajima.

L’introduzione per questa stagione del Campionato Mondiale Endurance di un tetto alle prestazioni, per equilibrare la competizione, potrebbe vanificare gli sforzi del marchio giapponese. I team Ginetta e Rebellion hanno una reale opportunità di unirsi alla battaglia per la vittoria.

Nelle altre categorie i giochi sono ancora più aperti. In particolare nella GTE Pro, dove quattro Porsche 911 RSR di serie gareggeranno contro due Aston Martin Vantage, tre Ferrari 488 e la nuovissima Corvette C8R con motore centrale posteriore.

La 24 Ore virtuale di Le Mans il 13-14 giugno

Mentre l’88esima edizione della 24 Ore di Le Mans è stata rinviata a settembre nel weekend del 13 e 14 giugno si correrà nel mondo virtuale.

La pandemia di coronavirus ha evidenziato l’emergere degli e-sport in molte discipline motoristiche. Così, per la prima volta, la competizione sportiva vedrà sfidarsi Fernando Alonso, Sébastien Buemi o André Lotterer e altri piloti famosi come Charles Leclerc, Max Verstappen, Lando Norris, Simon Pagenaud, Pierre Gasly e Jenson Button.

Ben 50 equipaggi sono già iscritti sul simulatore rFactor 2 per questa gara virtuale di 24 ore, che inizierà oggi alle 15.00.