fbpx

Audi elettrica: condanna a morte per la coupé TT

Audi ha deciso di sostituire la TT con un veicolo elettrico. Questa scelta rientra nei piani del marchio tedesco per superare Tesla come primo costruttore di auto elettriche premium. Audi ha pianificato un rinnovo sostanziale dei suoi veicoli con una occhio rivolto sopratutto alla sostenibilità. Nella giornata di giovedì, l’assemblea ha delineato i piani aziendali che comprendendo la produzione di più di 30 modelli entro il 2025, 20 dei quali a propulsione 100% elettrica.

A conferma di quanto deciso in assemblea e del target di riferimento dei propri modelli elettrici, Bram Schot Amministratore Delegato di Audi, ha affermato che “Nel medio termine vogliamo avere la più ampia gamma di modelli elettrici tra i concorrenti premium”. Chiaro riferimento a quali siano i rivali, Tesla su tutti , a cui si erodere quote di mercato nel settore con più margini di guadagno: quello di fascia alta. In questo strategia volta a una maggiore sostenibilità dei propri veicoli, si inquadra la scelta di tagliare i modelli che non rientrano in questa ottica, tra cui la TT. Inoltre Audi ha dichiarato di avere intenzione di vendere nel prossimo decennio 1 milione di auto elettriche o ibride. Obiettivo non raggiungibile se non con decisa svolta verso la sostenibilità.
Dal 1998, anno di lancio dell’Audi TT, la coupé ha trovato posto nel cuore degli appassionati grazie alla propria estetica e al carattere elegante ma sportivo allo stesso tempo. Grazie alla formula che l’ha contraddistinta, ha saputo differenziarsi rispetto a BMW più orientata alla maneggevolezza e a Mercedes che si è invece rivolta a un pubblico attento al comfort.
Ma gli amanti del genere non devono disperare dato nei prossimi anni avranno la sua sostituta che sarà elettrica, della stessa fascia di prezzo. E da Audi promettono che comunque rimarrà emozionante come la TT. Si vedrà se il nuovo modello sarà capace di reincarnare lo ‘spirito’ della coupé sportiva di Audi.