HomeblogSanzioni alla Russia di Putin: VW, Renault e Stellantis KO

Sanzioni alla Russia di Putin: VW, Renault e Stellantis KO

In tutto il mondo si guarda con preoccupazione alla situazione tra Russia e Ucraina. Alcune delle più grandi case automobilistiche del mondo hanno ulteriori motivi per essere preoccupate.

VW, Renault e Stellantis hanno fabbriche o impianti di assemblaggio in Russia, e queste operazioni potrebbero essere a rischio se i leader occidentali imporrabbo dure sanzioni alla Russia di Putin in caso di invasione dell’Ucraina.

Il gruppo Renault è quello che ha più da temere, secondo Automotive News Europe. Renault ha una partecipazione di controllo in AvtoVAZ, che fa Lada, il marchio più popolare in Russia. Ha anche un secondo impianto vicino a Mosca.

L’amministratore delegato di Renault, Luca de Meo, ha detto che la maggior parte delle componenti per l’impianto Lada sono state acquistate localmente, il che dovrebbe aiutare a isolarla dai problemi di produzione, ma l’amministratore delegato di AvtoVAZ ha affermato che l’azienda stava studiando forniture alternative di microchip nel caso in cui le sanzioni occidentali avessero colpito le consegne in Russia.

VW Group e Stellantis hanno entrambi fabbriche a Kaluga, una città situata a 180 km a sud-ovest di Mosca che è diventata un hub automobilistico. VW costruisce la Tiguan, la Polo e la Skoda Rapid, e vi assembla i SUV Audi Q7 e Q8, mentre Stellantis e Mitsubishi gestiscono congiuntamente un impianto da cui intende esportare furgoni in Europa. La città è anche sede di grandi fornitori come Continental, Magna e Visteon.

VW, Renault e Stellantis potrebbero essere i più grandi giocatori, e hanno più da perdere dagli effetti di eventuali sanzioni alla Russia di Putin ma non sono le uniche case automobilistiche attive nella regione. Mercedes ha recentemente investito più di 250 milioni di euro in una fabbrica per costruire la Classe E e i SUV della sua gamma, e mentre BMW non ha una fabbrica in Russia, ma produce veicoli kit di semiconduttori a Kaliningrad.

“Siamo molto preoccupati per i recenti sviluppi e speriamo che un’ulteriore escalation possa essere evitata”, ha detto una portavoce di Mercedes ad Automotive News Europe.

ULTIMI POST