HomeblogAlfa Romeo punta sul valore residuo contro le tedesche

Alfa Romeo punta sul valore residuo contro le tedesche

Il nuovo amministratore delegato di Alfa Romeo, Jean-Philippe Imparato, crede che la qualità della Giulia e dello Stelvio siano all’altezza delle rivali tedesche.

Imparato è un veterano del Gruppo PSA ed è stato incaricato di guidare l’Alfa Romeo dall’amministratore delegato di Stellantis Carlos Tavares. Come Tavares, Imparato sta cercando di ridurre i costi, come evidenziato dal fatto che la nuova sede del marchio non è molto più grande di un campo da tennis.

Durante una recente intervista con Auto News, Imparato ha parlato della sua passione per Alfa Romeo, affermando che l’azienda sta eguagliando i suoi rivali tedeschi per qualità. Ora ha bisogno di garantire che i valori residui siano alla pari con la concorrenza.

Alfa Romeo: addio alla Trazione Posteriore nell'era Stellantis

SFIDA ALLE TEDESCHE

“Voglio che i nostri valori residui chiudano il divario con i nostri rivali in 3 o 4 anni”, ha detto. Per farlo, Imparato dice che Alfa Romeo non deve vendere le sue auto “a buon mercato”.

“Non voglio vedere chilometri zero [autoimmatricolazioni della casa automobilistica o dei suoi concessionari] ovunque, né manovre di import/export”.

Alfa Romeo sta puntando a un mix di 45% di vendite private, 45% dalle vendite vendite di flotte, e un massimo del 105 di vendite dirette.

Sotto la guida del defunto Sergio Marchionne, Alfa Romeo voleva aumentare le sue vendite annuali a oltre 400.000 veicoli. Tuttavia, le consegne sono scese a meno di 60.000 nel 2019 e 2020.

spot_img

ULTIMI POST