Jaguar Land Rover in difficoltà ma PSA non la compra

Tata, proprietaria di Jaguar Land Rover, ha negato la vendita del marchio al gruppo francese PSA. Le voci su una possibile cessione si erano susseguite a seguito di una relazione interna del gruppo indiano che indicava i risparmi sui costi legati ai benefici derivanti dall’unione delle forze delle due compagnie automobilistiche, Tata e PSA. Tata ha affermato come non ci sia “alcuna verità su queste voci”.
Jaguar Land Rover nell’ultimo periodo ha subito un crollo delle vendite in Cina. Le cattive notizie finanziarie si sono sommate alle preoccupazioni sulla Brexit, che hanno pesato sulla domanda di auto inglesi come Jaguar Land Rover.

In tutto questo il gruppo inglese deve raccogliere un miliardo di dollari per sostituire le obbligazioni in scadenza. Al momento ha un solo modello elettrico in listino, la Jaguar I-Pace, e sta investendo molto su un programma di elettrificazione dei propri modelli. La vendita è stata vista positivamente anche alla luce dei dati fiscali relativi al terzo trimestre conclusosi al 31 dicembre 2018 in cui Tata ha registrato perdite per 4 miliardi di dollari.