Fca lancia il carsharing smart Jeep negli Usa

Fiat Chrysler Automobiles lancerà un servizio di car sharing in collaborazione con Turo per aumentare le vendite dei modelli Jeep.

Automotive News riporta che FCA sta già invitando molti dei suoi proprietari a noleggiare i loro veicoli con Turo, un servizio che consente ai proprietari di noleggiare i loro veicoli attraverso una piattaforma online. Inoltre, il produttore di automobili ha stretto una partnership con Avis Budget Group per un servizio di abbonamento di tre mesi in cui i proprietari di Jeep saranno in grado di condividere altri veicoli all’interno della famiglia FCA.

Parlando durante il Detroit Auto Show, il capo dei Jeep in Nord America, Tim Kuniskis ha dichiarato che i piloti inizieranno la prossima settimana a Boston e saranno inizialmente ristretti a soli 100 proprietari.

I programmi pilota di FCA fanno parte di un più ampio spostamento del settore dalle forme di proprietà tradizionali e verso quelle molto più flessibili che sono favorite dagli acquirenti più giovani. Molte case automobilistiche hanno lanciato servizi di abbonamento, con diversi gradi di successo, come un modo per rinnovare il modo in cui le persone utilizzano i loro veicoli.Fiat Chrysler Automobiles lancerà un servizio di car sharing peer-to-peer in collaborazione con Turo per aumentare le vendite dei modelli Jeep.

Automotive News riporta che FCA sta reclutando molti dei suoi proprietari a noleggiare i loro veicoli con Turo, un servizio che consente ai proprietari di veicoli di noleggiare i loro veicoli attraverso una piattaforma online. Inoltre, il produttore di automobili ha stretto una partnership con Avis Budget Group per un servizio di abbonamento di tre mesi in cui i proprietari di Jeep saranno in grado di scambiare altri veicoli all’interno della famiglia FCA.

Parlando durante il Detroit Auto Show in corso, il capo della Jeep in Nord America Tim Kuniskis ha dichiarato che i piloti inizieranno la prossima settimana a Boston e saranno inizialmente ristretti a soli 100 proprietari ciascuno.

“Tutte queste persone che stanno casualmente andando, ‘è per me o no per me?’, Posso quindi convincerle come potenziali prospettive di venderle un Wrangler nuovo di zecca.

“Scopriremo cosa è buono e cosa è male, cosa piacciono ai clienti e cosa non piacciono, e in definitiva da ciò decideremo se vogliamo farlo come qualcosa che promuoviamo presso i nostri concessionari al momento della vendita, “Ha detto Kuniskis.

I programmi pilota di FCA fanno parte di un più ampio movimento del settore automotive verso forme di proprietà non tradizionali e verso quelle molto più flessibili che possono favorite dagli acquirenti più giovani.