Nio sfida Tesla sulla redditività delle Auto Elettriche

0
429

NIO si presenta come una delle più serie alternative cinesi sul mercato europeo nei prossimi anni. I suoi modelli a prezzi competitivi si posizionano come avversari agguerriti per i marchi storicamente basati nel Vecchio Continente. In recenti dichiarazioni, il fondatore dell’azienda ritiene che la redditività in Europa sia garantita e spera di avere successo laddove i suoi diretti rivali hanno incontrato un maggior numero di problemi.

Il primo modello NIO a sbarcare in Europa sarà la berlina elettrica ET7, che dovrebbe iniziare le prime consegne nei prossimi giorni. Successivamente arriverà la ET5, una berlina leggermente più piccola, e più tardi farà lo stesso la EL7, un SUV elettrico di grandi dimensioni, atteso per l’inizio del 2023. Con tre modelli elettrici in circolazione, NIO aspira a diventare rapidamente un’alternativa per gli automobilisti e gli utenti europei. Avrà anche il suo particolare metodo di sostituzione delle batterie completamente cariche.

AUTO ELETTRICHE ALLA PROVA

NIO ha una delle maggiori innovazioni in termini di “ricarica” delle auto elettriche. Il suo metodo, infatti, non consiste nel collegare il veicolo e attendere che si ricarichi, ma nel sostituire la batteria con una completamente carica attraverso le sue stazioni di scambio, di cui esistono già tre in Europa, l’ultima delle quali recentemente inaugurata in Germania. NIO prevede di costruire 1.000 di questi avamposti fuori dalla Cina entro il 2025, la maggior parte dei quali in Europa.

Il fondatore di NIO, William Li, ha dichiarato che in Cina esiste un gran numero di produttori di automobili, anche se “con un prodotto reale” sono solo “circa 20 o 30”, tra cui Geely, SAIC o la loro NIO. L’imprenditore orientale vede in questi marchi chiari segnali di successo sul territorio europeo, poiché l’enorme offerta di aziende migliora i rispettivi prodotti. “Ogni concorrenza è positiva perché fa progredire l’industria. In Europa ci sono molti grandi produttori. Anche in Cina, Mercedes, BMW e Audi sono concorrenti agguerriti. Abbiamo ancora molta strada da fare per essere così forti”.
Li ha affermato che se NIO è riuscita a sopravvivere e ad avere successo in Cina, ha la possibilità di essere competitiva in mercati come quello europeo. L’imprenditore vede l’industria automobilistica come uno dei “mercati più aperti” esistenti.

Nella sua visione aziendale, a medio-lungo termine, Li prevede un mercato composto quasi esclusivamente da auto elettriche a batteria, poiché ritiene che i modelli a celle a combustibile a idrogeno non saranno all’altezza del compito. “Il veicolo sta diventando uno spazio abitativo mobile, e questo funziona solo con un’auto elettrica”, ha dichiarato.

Le previsioni di William Li per l’Europa sono incoraggianti, in quanto vede NIO come uno dei marchi più soddisfacenti per i clienti in soli tre anni. Sotto questo aspetto, il responsabile guarda direttamente a marchi come Tesla: “Siamo sulla strada giusta per raggiungere la redditività. Tesla ha impiegato 16 anni. A noi non serviranno 16 anni”.

I piani dell’azienda prevedono che NIO diventi un marchio mainstream in Europa, in vero stile Volkswagen o Toyota, pochi mesi dopo il suo arrivo. È un risultato che sta già ottenendo, ad esempio, MG, un’azienda che è tornata nel Vecchio Continente con una nuova filosofia e un posizionamento del marchio molto particolare che sta dando ottimi risultati.