Home anteprime Dacia Duster pickup: arriva la versione estrema

Dacia Duster pickup: arriva la versione estrema

0
107

Riservato da tempo al mercato locale, dove viene venduto direttamente da Dacia, il pick-up monocabina Duster è arrivato in Francia lo scorso anno grazie soprattutto a Balleydier 4×4, un’officina indipendente con sede in Alta Savoia e specializzata in veicoli fuoristrada.

In occasione di Eurosatory 2022 arriva la versione estrema. All’esterno, le modifiche apportate al SUV restyling sono logiche, ma in fin dei conti sono piuttosto leggere: i fari anteriori sono (quasi) full-led, in quanto mantengono le luci alogene degli abbaglianti, e i fari posteriori ricevono la firma a forma di Y che è ormai tipica del produttore rumeno. Tuttavia, queste modifiche non sono immediatamente visibili sul nostro pick-up dotato (come accessori) di griglie metalliche per proteggere i fari e i finestrini, poiché questo modello “semi-corazzato” è destinato alla polizia.

Tra le modifiche non manca anche il roll bar che presenta il nuovo font utilizzato nel nuovo logo del marchio, a ricordare che la trasformazione è approvata dal produttore. L’abitacolo rimane invariato rispetto alla versione a cinque porte e, a seconda della versione, comprende i tablet touchscreen Media Display o Media Nav da 8″, il climatizzatore automatico e la scheda vivavoce. Entro la fine dell’anno, il pick-up Duster avrà anche la nuova identità Dacia e la griglia ridisegnata.

Tecnicamente questa Dacia Duster estrema è disponibile solo la versione 4×4, ma ora è possibile optare per il 1.3 TCe 150 oltre al tradizionale 1.5 Blue dCi 115. Il cambio è meccanico a sei marce e il cambio EDC non è compatibile con la trazione integrale. La carrozzeria offre ancora 165 cm di lunghezza di carico e un carico utile di 500 kg. Questa Dacia non è adatta a chi cerca una capacità di carico di una tonnellata, prerogativa dei pick-up “grandi” come il Ford Ranger o il Toyota Hilux.

Il pianale offre un carico utile di 500 kg.

Il pick-up Dacia Duster gioca su un altro registro con le sue dimensioni compatte (4,34 m quando altri modelli sul mercato superano tranquillamente i 5 m) e il suo peso contenuto sotto i 1.500 kg. Questo gli conferisce un’eccellente manovrabilità e buone capacità su superfici difficili, in particolare sulla neve, soprattutto quando opta per i cingoli dell’ACF.

Grazie ai cingoli, il Dacia Duster pickup ha un’altezza da terra di 42 centimetri e una trasmissione più corta del 33% grazie all’ingranaggio interno dei cingoli, che gli conferisce impressionanti capacità di attraversamento. Un altro vantaggio di questo equipaggiamento è il suo pescaggio di 170 g/cm², che non solo gli permette di muoversi facilmente attraverso i pantani, ma anche di preservare i terreni delicati rispetto ai tradizionali pneumatici AT o MT.

Anche se i prezzi non sono ancora ufficiali, il pick-up Duster sarà disponibile a partire da circa 28.000 euro tasse incluse (stima). Le modifiche avranno un costo aggiuntivo di 15.000 euro più IVA. Sebbene non sia venduto direttamente da Dacia France, beneficia dell’omologazione del costruttore e di una garanzia di 3 anni o 100.000 km. Oltre ai cingoli, può essere equipaggiato con altre migliorie opzionali che ne esaltano le capacità fuoristradistiche, come un upgrade delle sospensioni, un verricello o un differenziale posteriore a slittamento limitato. Infine, per i professionisti, questo pickup è omologato come veicolo utilitario a due posti e offre quindi l’IVA recuperabile e l’esenzione da IVA e malus, anche nella versione a benzina.