Nuova Volvo EX90 2023: SUV elettrico da 408CV

Finalmente Volvo ha presentato la EX90, l’equivalente completamente elettrica (e forse il successore) della XC90. La EX90 segna una nuova era per la casa automobilistica svedese che cerca di realizzare la sua missione di vendere solo veicoli elettrici entro il 2030. “A partire dalla Volvo EX90, ogni anno presenteremo una nuova auto completamente elettrica”, ha dichiarato l’azienda nel suo comunicato ufficiale.

Il nuovo SUV elettrico di punta di Volvo misura 5.037 mm di lunghezza, 1.964 mm di larghezza, 1.747 mm di altezza e ha un passo di 2.985 mm. Ciò la rende più lunga e più larga della XC90, che è lunga 4.950 mm e larga 1.923 mm, anche se la EX90 ha un’altezza inferiore (-29 mm) e il suo passo è solo 1 mm più lungo.

L’EX90 segue il principio della “forma che segue la funzione” nel suo design, con una forma accogliente simile a quella della XC90. Mantenendo le cose semplici, la fascia anteriore è caratterizzata da un paraurti prominente che integra la griglia anteriore, con il moderno logo che occupa il posto sopra una sezione sgualcita che circonda la presa d’aria inferiore.

I fari a LED con il martello di Thor, simbolo del marchio, sono caratterizzati da luci diurne pixelate, che si integrano perfettamente con il cofano a conchiglia che si apre per rivelare un bagagliaio da 37 litri.

Lungo le fiancate, la pulizia della superficie è interrotta solo dalle maniglie delle porte a scomparsa e dalle caratteristiche pieghe che collegano visivamente i passaruota leggermente sporgenti. Per quanto riguarda il posteriore, Volvo sembra aver preso spunto dal libro di Polestar adottando una versione invertita dei fari posteriori a forma di C della Polestar 2, con un richiamo alla XC90 rappresentato dalla barra luminosa tratteggiata che corre lungo i montanti posteriori.

All’interno, l’EX90 grida minimalismo, con una plancia che presenta ampie prese d’aria e sembra quasi priva di pulsanti e quadranti convenzionali. L’attrazione principale è il touchscreen da 14,5 pollici in formato verticale, alimentato dal sistema operativo Android Automotive, per cui sono disponibili numerosi servizi Google integrati e il supporto per Apple CarPlay wireless.

Il sistema di infotainment abilitato al 5G è abbinato a un impianto audio Bowers & Wilkins con 25 altoparlanti (notare il tweeter sul cruscotto) che, secondo Volvo, offre un audio Dolby Atmos di qualità di riferimento (l’EX90 è la prima Volvo ad averlo) per un’esperienza coinvolgente. Come è consuetudine di Volvo in questi giorni, gli interni e la carrozzeria sono realizzati con materiali di provenienza responsabile per ridurre l’impatto ambientale dell’azienda.

Per il guidatore sono disponibili un head-up display e un quadro strumenti digitale widescreen, mentre il volante presenta pulsanti sensibili al tocco che si spengono fino all’accensione del veicolo. Si noterà anche la presenza di un pedale che funge da selettore di marcia, liberando spazio sulla console centrale fluttuante che deve ospitare solo un bracciolo, portabicchieri coperti, un caricabatterie wireless per il telefono e un quadrante per il controllo dei media.

DATI TECNICI E PRESTAZIONI

Sotto la console centrale sono disponibili ulteriori vani portaoggetti e porte USB-C, mentre tra le altre caratteristiche pratiche segnalate da Volvo figurano la tecnologia della chiave telefonica che sfrutta la banda ultralarga (UWB), in modo da non dover portare con sé un portachiavi, la telematica e uno spazio per i bagagli che varia da 365 a 1.915 litri a seconda della posizione dei sedili.

Per quanto riguarda le motorizzazioni, la Volvo EX90 sarà offerta in due configurazioni, entrambe con due motori elettrici, uno per ogni asse. Il primo è il Twin Motor, con l’Electric Front Axle Drive (EFAD) da 163 CV (161 CV o 120 kW) e 350 Nm di coppia, mentre l’Electric Rear Axle Drive (ERAD) eroga 245 CV (241 CV o 180 kW) e 420 Nm.

Insieme, la potenza totale del sistema Twin Motor è di 408 CV (402 cv o 300 kW) e 770 Nm, per un tempo da 0 a 100 km/h di 5,9 secondi. Il passo successivo è il Twin Motor Performance, dotato di motori elettrici ancora più potenti che consentono di ridurre il tempo di scatto di un secondo a 4,9 secondi. Entrambi i propulsori hanno una velocità massima di 180 km/h, come previsto dall’iniziativa di sicurezza di Volvo.

L’EFAD del Twin Motor Performance eroga 268 CV (200 kW) e 490 Nm e, insieme all’ERAD che eroga 245 PS (241 CV o 180 kW) e 420 Nm, la potenza totale del sistema ammonta a ben 517 PS (510 CV o 380 kW) e 910 Nm. Entrambe le configurazioni consentono una capacità di traino fino a 2.200 kg.