Addio Chrysler 300C: nel 2023 fuori produzione

Nel 2004, Chrysler, durante il suo tour in Europa, ci sorprese con un modello che, basato sulla piattaforma della Mercedes Classe E, offriva una concept car molto particolare sulle nostre strade: la Chrysler 300C.

La Casa americana stava lavorando molto bene in quegli anni, per prendere piede in Europa, anche se il passaggio dalla Chrysler 300M alla 300C fu notevole e anche, a fin di bene, non ebbe molto successo, ad esempio mettendo in circolazione la Chrysler Sebring 200C (per quanto montasse il 2.0 TDI diesel di Volkswagen).

Tra le versioni più interessanti della Chrysler 300C, c’erano quelle dotate di motori diesel, che in questo caso erano il 3.0 da 218 CV della Mercedes, ma soprattutto la Chrysler 300C SRT, dotata di un caratteristico V8 yankee con oltre 400 CV di puro sound da Muscle Car. Tuttavia, non ebbe il successo che avrebbe dovuto avere e Chrysler alla fine lasciò l’Europa, anche se non ci mise molto a tornare sul mercato con il logo Lancia (l’ultima generazione della Lancia Thema), per essere, come si suol dire, quattro giorni in vendita e scomparire insieme al marchio.

LA FINE DELLA PRODUZIONE

Ma la cosa più curiosa è che, contro ogni previsione, la Chrysler 300C è ancora viva e vegeta negli Stati Uniti, è ancora in vendita e, inoltre, ha ricevuto un aggiornamento per durare ancora di più sul mercato. Come previsto, le modifiche non sono importanti e non cambia quasi nulla, ma è molto curioso che si continui a mantenere in vita un’auto la cui base risale a così tanti anni fa (l’ultima evoluzione risale al 2011). È inoltre sorprendente che sia ancora in vendita, considerando l’evoluzione delle vendite, o meglio, l’involuzione.

Nel 2021 sono state vendute solo 17.000 unità, molte meno delle 145.000 unità vendute nel suo anno migliore, il 2005. È anche un netto contrasto con le vendite della sua principale rivale, la Dodge Charger, che ha venduto 78.000 unità nel 2021.

La cosa più interessante della Chrysler 300 (ora non ha più la lettera “C” nel nome), è incentrata sull’adozione di un maggior numero di sistemi di sicurezza e assistenza, inclusi nel pacchetto SafetyTec Plus (sensore pioggia, avviso di cambio marcia. corsia, assistenza al parcheggio, luci automatiche, avviso di collisione anteriore con frenata attiva, cruise control adattivo con stop and go…). La gamma sarà composta dal V6 Pentastar come opzione “di serie” e dal V8 5.7 HEMI come “optional”. Come culmine, ci sarà la Chrysler 300C, equipaggiata con il blocco V8 da 6,4 litri e 485 CV, che si ipotizza sia la versione d’addio del modello, che cesserà di essere prodotto nel 2023.

Nonostante la base della Chrysler 300 sia vecchia, sono riusciti a vendere le 2.200 unità che si prevede di produrre nella versione più performante, equipaggiata con il V8 da 6,4 litri. Inoltre, sono bastate 12 ore per ottenerle. L’amministratore delegato di Chrysler Chris Feuell ha dichiarato a Motor Trend che di queste 2.200 unità, 2.000 saranno destinate al mercato statunitense e 200 al Canada. In ogni caso, non sono pochi coloro che hanno criticato Chrysler per non aver offerto la 300C con il motore Hellcat, ma secondo quanto dichiarato da un portavoce del marchio a The Drive, non ci sono abbastanza motori Hellcat per alimentare le 2.200 unità della versione speciale…

Al momento non si sa quale modello sostituirà la Chrysler 300, ma nessuno ignora che sarà l’ultima berlina autenticamente yankee, dotata di un V8 aspirato di grande cilindrata. Secondo quanto riferito, una delle opzioni sarà una berlina con un motore elettrico, condiviso con Dodge, con architettura a 800 volt e poco più di 440 CV. Si prevede che avrà anche alcuni spunti di design già visti sulla Chrysler Airflow.