Home blog Ford Fiesta e Focus ST: ritardi e addii

Ford Fiesta e Focus ST: ritardi e addii

0
97

Ford ha annunciato che le Focus ST e Fiesta ST saranno eliminate dalla gamma australiana entro la fine dell’anno, a seguito di problemi di approvvigionamento nella produzione. Ciò significa che il marchio non offrirà più le due volumi – né i modelli ST – in Australia, concentrandosi invece su segmenti con una domanda crescente da parte dei clienti come i SUV, gli LCV e i veicoli elettrici.
Andrew Birkic, CEO di Ford Australia, ha spiegato: “Sia la Focus ST che la Fiesta ST sono state hot hatches che hanno definito il segmento per Ford Australia e hanno fatto sorridere gli appassionati di tutto il Paese, che vogliamo ringraziare per la loro passione. Tuttavia, a causa della carenza di forniture di semiconduttori e della nostra attenzione alle aree di crescita emergenti, abbiamo preso la difficile decisione di mettere fine a queste iconiche hot hatches in Australia. Ci auguriamo di condividere presto ulteriori informazioni sulla prossima era della nostra gamma di veicoli ad alte prestazioni”.

LE SPORTIVE DI CASA FORD

Le varianti ST della Focus e della Fiesta erano le uniche opzioni disponibili per gli australiani che volevano un’utilitaria targata Ford, dato che le versioni inferiori erano state dismesse qualche tempo fa a causa delle scarse vendite. Le hot hatch erano anche gli unici modelli ST completi offerti in Australia (la Puma ST e l’Explorer ST non sono mai state disponibili nel Paese), mentre la gamma di Ford Performance era limitata alla Mustang e al Ranger Raptor.
Ford Australia ha dichiarato di aver assicurato 40 unità della Focus ST ai potenziali acquirenti e un numero imprecisato di Fiesta ST fino alla loro uscita dalla gamma verso la fine del 2022. Gli attuali proprietari continueranno a essere supportati dall’azienda in termini di manutenzione e ricambi.
Ford ha lanciato la Fiesta restyling nel settembre 2021 e la Focus restyling nell’ottobre 2021, ma la strada è stata piuttosto accidentata dal lancio sul mercato nel 2022, con lunghi tempi di attesa e ritardi a causa della crisi dei semicond.