NamX: la berlina SUV a Idrogeno by Pininfarina

NamX: la berlina SUV a Idrogeno by Pininfarina

I produttori sono obbligati a esplorare nuove tecnologie di mobilità sostenibile e le auto elettriche non sono l’unica strada. La cella a combustibile a idrogeno è il grande obiettivo a emissioni zero, come la nuova proposta che arriva dalla Francia. Il NamX HUV è un concept FCEV audace e futuristico che dovrebbe arrivare nel 2025.

Le norme sempre più severe in materia di emissioni stanno costringendo i costruttori a passare all’auto elettrica e a considerare seriamente le alternative alle auto elettriche a batteria. La vera attenzione è rivolta alle celle a combustibile, la tecnologia dell’idrogeno che Toyota e i coreani conoscono meglio di quelli europei, anche se stanno facendo le prime mosse in segreto.

Ora, una start-up francese ha presentato un’interessante concept car dal design molto futuristico realizzata da Pininfarina, che hanno proposto di portarla alla produzione di serie in soli due anni e mezzo. La NamX HUV è uno dei futuri modelli a idrogeno che saranno in vendita alla fine del 2025 e sfoggia uno stile all’avanguardia con sottili LED disposti a forma di “X” che avvolgono la grande griglia che occupa il frontale. La carrozzeria in stile SUV presenta una linea del tetto che degrada verso un posteriore ancora più moderno del frontale.

DATI TECNICI E PRESTAZIONI

Il NamX ci offre un’anteprima di un futuro SUV a idrogeno.
I gruppi ottici sono divisi in due livelli, una coppia di linee sottili nella parte superiore e un’ulteriore riproduzione della forma a “X” del frontale trasferita nella parte inferiore del posteriore. Anche la terza luce dei freni è posizionata tra la parte superiore del portellone posteriore e integrata in una parte del pannello del tetto in vetro e disposta in due strisce verticali. Ma non è l’illuminazione a spiccare, bensì le sei aperture illuminate che si estendono orizzontalmente sotto l’emblema di NamX, la start-up francese.

In queste aperture si possono inserire piccole capsule di idrogeno per il rifornimento, come estensori di energia. I francesi hanno sottolineato che sarà anche possibile rifornirsi di idrogeno presso una stazione di rifornimento tramite un tubo ad alta pressione, che non elimina il serbatoio di bordo. L’azienda ha confermato la sua presenza al Salone dell’Automobile di Parigi del 2022 a fine settembre con un dimostratore tecnologico di cui non sono stati rivelati gli interni.

Ci saranno due versioni, una a trazione posteriore con una potenza massima di 300 CV e una versione a trazione integrale con 550 CV denominata “GTH”. La prima è in grado di accelerare da zero a 100 km/h in 6,5 secondi, con velocità massime di 200 km/h e 250 km/h, rispettivamente, e una velocità massima di 4,5 secondi.

Per ora non hanno specificato l’autonomia, anche se si parla di 800 chilometri, invitando gli interessati a prenotare le due versioni, i cui prezzi oscilleranno tra i 65.000 euro – quella base – e i 95.000 euro per la più potente.