Home anteprime Ineos Grenadier: in arrivo la versione a Idrogeno

Ineos Grenadier: in arrivo la versione a Idrogeno

0
152
Ineos Grenadier: in arrivo la versione a Idrogeno

Ineos ha annunciato un investimento di 2 miliardi di euro nell’idrogeno e ha confermato che la Grenadier sarà disponibile con un propulsore a celle a combustibile a idrogeno.

Il gigante chimico è il più grande operatore europeo nel campo dell’elettrolisi, la tecnologia che utilizza l’energia rinnovabile per produrre idrogeno per la generazione di energia. Ineos produce e utilizza già 400.000 tonnellate di idrogeno a basso contenuto di carbonio ogni anno e alla fine del 2020, ha firmato un memorandum d’intesa con Hyundai per promuovere lo sviluppo di tecnologie e propulsori a idrogeno.

IL FUTURO DELL’AUTO A IDROGENO

“Crediamo che l’idrogeno sia il carburante del futuro e INEOS è determinata ad assumere un ruolo di primo piano nel suo sviluppo”, ha detto il fondatore e presidente di Ineos Sir Jim Ratcliffe in un comunicato. “Quando viene usato in una cella a combustibile, l’idrogeno produce solo acqua ed è la migliore possibilità per il Regno Unito di raggiungere i suoi obiettivi di riduzione del carbonio. Le auto elettriche sono ideali per i centri urbani e i viaggi brevi. Ma l’idrogeno è molto meglio per i viaggi più lunghi e i carichi più pesanti e questo richiede un investimento immediato nella distribuzione dell’idrogeno e nelle stazioni di rifornimento di idrogeno”.

Nella sua dichiarazione, Ineos ha aggiunto che inizierà a testare una versione a idrogeno della Ineos Grenadier entro la fine del 2022, “per valutare come ottimizzare e integrare al meglio la tecnologia.”

Ineos dice che costruirà impianti di idrogeno in Norvegia, Germania e Belgio, mentre continuerà a investire nel Regno Unito e in Francia. L’impianto in Norvegia sarà il primo ad entrare in funzione e sarà dotato di un elettrolizzatore da 20MW. Un elettrolizzatore più grande da 100MW sarà poi installato nel sito tedesco. Ineos dice che sta anche investendo nella produzione di “idrogeno blu” che può essere catturato e immagazzinato in modo sicuro sottoterra.