HomeblogChevrolet Bolt: risolto il problema di incendio della batteria

Chevrolet Bolt: risolto il problema di incendio della batteria

GM ha annunciato oggi di aver trovato il difetto che ha causato l’incendio delle batterie di alcune Chevrolet Bolt. Riprenderà quindi la produzione delle batterie con nuovi protocolli e ha stabilito un piano per come risolvere il problema con le Chevrolet che sono già in strada.

L’azienda ha annunciato un richiamo alla fine di agosto che alla fine ha portato a fermare la produzione della citycar elettrica Bolt mentre cercava di risolvere la causa principale del problema. Ora ha scoperto che si trattava di una rara combinazione di due difetti noti come un “anodo strappato” e un “separatore piegato”.

GM dice che entrambi dovevano essere presenti in una batteria affinché il difetto portasse a un incendio e che ha lavorato con LG per rivedere e migliorare il controllo di qualità delle batterie. Il fornitore di batterie implementerà questi processi in altre strutture che forniranno batterie a GM per le auto elettriche del futuro.

IL PROBLEMA DELLE BATTERIE

Gli impianti di batterie di LG si impegna a fornire più batterie a GM

General Motors dice che sta dando la priorità ai clienti Bolt i cui veicoli sono stati costruiti durante i periodi specifici in cui si sono verificati i difetti di produzione.

La casa automobilistica sta anche creando un nuovo pacchetto software diagnostico avanzato che aumenterà i parametri di carica della batteria disponibili rispetto alla guida esistente. Il software è progettato per individuare le anomalie nelle prestazioni della batteria che GM ritiene siano legate al difetto che ha portato agli incendi. L’azienda prevede rilasciare presto un nuovo software diagnostico che permetterà ai clienti di utilizzare il 100% della capacità della batteria.

Fino ad allora, la società dice che non è a conoscenza di eventuali incendi che si verificano in veicoli che hanno limitato la loro capacità di carica al 90%.

spot_img

ULTIMI POST