HomeblogMercedes-Benz difende il futuro del motore ibrido Plug-in

Mercedes-Benz difende il futuro del motore ibrido Plug-in

L’amministratore delegato di Daimler AG, Ola Kallenius, ha recentemente difeso i veicoli ibridi plug-in. Le PHEV sono da molto definite “false auto elettriche, costruite per test di laboratorio e agevolazioni fiscali, non per la guida reale”. Gli attivisti dicono che le PHEV sono per lo più guidate in modalità non elettrica, che a volte può rendere le loro emissioni di CO2 più elevate rispetto alle auto con motore a combustione interna a causa del peso extra del pacco batterie.

In un’intervista ad Automotive News Europe, Kallenius ha detto che le ultime tecnologie nelle auto ibride plug-in offrono una autonomia molto più ampia rispetto ai loro predecessori, il che significa che saranno guidate in modalità completamente elettrica molto più spesso di prima.

“Quando si tratta di ibridi plug-in, siamo ora alla terza generazione di queste auto, ma molti dei discorsi su di loro sono ancora basati sui dati della prima generazione, dove le batterie erano più piccole e l’autonomia era più breve”, ha detto. L’ultima Mercedes Classe C W206 ha una massiccia batteria da 25,4 kWh che fornisce fino a 100 km di autonomia a zero emissioni, raddoppiando quella della W205 C300 e.

MERCEDES DIFENDE IL MOTORE IBRIDO

Ora che gli ibridi ricaricabili PHEV sfruttano batterie più grandi, i clienti possono usarli con lo spirito con cui sono stati concepiti. “Molti clienti possono guidare avanti e indietro dal lavoro per tutta la settimana in modalità completamente elettrica”, ha detto Kallenius, aggiungendo che coloro che usano l’app Mercedes me possono scegliere di condividere i loro dati di consumo di carburante per vedere come vanno nella guida nel mondo reale.

Mercedes-Benz sta anche cercando attivamente di cambiare i comportamenti di guida delle persone con una nuova grafica per “l’eco-guida” nel quadro strumenti, che spera incoraggerà più automobilisti a inseguire i “punteggi più alti”.

Ci potrebbe essere un vantaggio competitivo in questo, con i conducenti che cercano di superarsi l’un l’altro, ma l’obiettivo è quello di assicurarsi che la discrepanza tra il consumo di carburante individuale durante la guida nel mondo reale e i numeri di omologazione ottenuti dalla vettura durante i test di omologazione si riduca quanto più.

Anche l’amministratore delegato di Hyundai Europe, Michael Cole, ha difeso la tecnologia PHEV. Usando l’ultima Tucson come esempio, il SUV plug-in offre fino a 56 km di autonomia completamente elettrica con una singola carica. Si tratta di una autonomia “più che sufficiente per coprire il tragitto quotidiano della maggior parte delle persone in Europa”, ha detto il manager. “Penso ancora che la tecnologia offra una riduzione di CO2 in termini reali, con molti clienti che la utilizzano per viaggiare senza emissioni per una buona parte del tempo nelle giuste condizioni.”

ULTIMI POST