Volvo crollano i profitti arrivano i tagli

Volvo Cars sta intensificando la riduzione dei costi nel tentativo di invertire il calo dei profitti in quanto l’azienda di proprietà cinese è sotto pressione per i prezzi dei concorrenti e le guerre commerciali che hanno destabilizzato i principali produttori di automobili.

La casa automobilistica svedese, di proprietà del cinese Geely Holding Group, mira a ridurre i costi di 2 miliardi di corone svedesi dopo che l’utile operativo del primo semestre è sceso del 30%,l.

“Ci sono venti contrari nella maggior parte dei mercati automobilistici combinati con i costi dei dazi”, ha detto l’amministratore delegato Hakan Samuelsson.

Volvo Cars è stata uno dei punti luminosi dell’industria automobilistica da quando è stata acquistata da Geely. Mentre vende più auto che mai, gli ultimi risultati mostrano che il gruppo non è immune alle sfide del mercato. Volvo ha già svelato un piano per trattenere i bonus del personale dopo che la redditività è diminuita per la prima volta dal 2012 e i margini hanno continuato a deteriorarsi.

I risultati seguono un avviso di profitto la scorsa settimana dalla rivale tedesca Daimler e dalla casa madre Geely. Samuelsson ha detto che il piano include 750 tagli tra i posti di lavoro, per contribuire a maggiori profitti nella seconda metà dell’anno. Volvo prevede di stabilire nuovi record di vendite dopo aver avviato la produzione del modello XC40 in Cina.