Come cambia la Ferrari da Formula1

Ferrari si presenta al Gran Premio del Giappone con una vettura aggiornata. La monoposto si arricchisce di un nuovo sponsor senza rinunciare al suo rosso. Sono stati aggiunti nuovi loghi bianchi che fanno riferimento al nuovo progetto “Mission Winnow” di Philip Morris International. Philip Morris già da tempo è sponsor Ferrari ma il blocco degli sponsor legati al tabacco le aveva impedito di figurare sulle monoposto in pista.
I loghi sono stati aggiunti alla copertura del motore, ala posteriore, fiancate, musetto, specchietti esterni, protezione del casco e persino sulle divise e sopra i caschi indossati da Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen. I cambiamenti sono facilmente individuabili guardando una foto.

Poiché la sponsorizzazione del tabacco non è consentita in Formula 1, Philip Morris non è stata in grado di pubblicizzare i suoi marchi o prodotti sulle auto Ferrari per anni. Tuttavia, la società sta ora esaminando tecnologie senza fumo e ha già esteso la sponsorizzazione della Ferrari fino al 2021 come riferisce Autosport.

Allora, cos’è Mission Winnow? Apparentemente è un’iniziativa dedicata alla scienza, alla tecnologia e all’innovazione e un tentativo di costruire un futuro migliore.
“Vorrei ringraziare Philip Morris perché ha il diritto di marcare tutta l’auto dall’inizio della stagione “, ha dichiarato il team principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene. “Sono stati rispettosi del rosso della macchina, hanno lasciato la macchina assolutamente rossa”.

Mission Winnow prende il nome dalla pratica del vagliatura del grano, da cui proviene l’espressione “separare il grano dalla paglia”.

Nel frattempo, Philip Morris ha dichiarato che la loro nuova iniziativa “non è legata a nessun prodotto del tabacco” e che riguarda la trasformazione della loro azienda. “È molto importante essere con la Ferrari perché la Ferrari ha esemplificato la passione e questo costante miglioramento che è la base per il nostro futuro”.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Instagram did not return a 200.