motorsport

Formula E: weekend sfortunato per Mahindra

Il sesto appuntamento del Campionato FIA di Formula E, disputatosi sul tracciato fronte mare di Punta Del Este, in Uruguay, porta a Mahindra un quinto posto finale con Felix Rosenqvist. Costretto nuovamente al ritiro, invece, il compagno di squadra Nick Heidfeld.
Con questo piazzamento il pilota svedese mantiene la seconda posizione in classifica dietro a Jean-Éric Vergne, vincitore in Uruguay, che ha comunque incrementato il proprio vantaggio. Viene ugualmente mantenuta dal team indiano la seconda posizione nella graduatoria Costruttori.Il gap dalla prima posizione è però aumentato in entrambe le classifiche, e allo stesso tempo è diminuito il vantaggio sugli inseguitori. Bisogna tornare sul podio, quindi servirà una grande prestazione in occasione della prossima corsa, l’E-Prix di Roma.In questo contesto Mahindra “giocherà in casa” dal momento che la sede di Mahindra Europe è proprio nei pressi della capitale. La filiale europea è operativa dal 2005 e opera in 10 mercati: Italia e Spagna, nell’ordine, sono i due più importanti. Il week-end di gara a Punta del Este fin dalle prove si è rivelato problematico per Mahindra. Non sono state raggiunte le aspettative della vigilia, con entrambi i piloti autori di piccoli errori e quindi fuori dalla super pole, obbligati a schierarsi nella seconda parte della griglia di partenza. Subito dopo il via, nella prima parte di gara c’è stato il ritiro di Heidfeld, mentre per Rosenqvist in questa occasione non è stato possibile raggiungere il podio, anche se rimontare in gara è una delle sue specialità.Sarà per la prossima volta a Roma, quartiere EUR, il prossimo 14 aprile, per il ritorno in Europa della Formula E.

Con questo piazzamento il pilota svedese mantiene la seconda posizione in classifica dietro a Jean-Éric Vergne, vincitore in Uruguay, che ha comunque incrementato il proprio vantaggio. Viene ugualmente mantenuta dal team indiano la seconda posizione nella graduatoria Costruttori.Il gap dalla prima posizione è però aumentato in entrambe le classifiche, e allo stesso tempo è diminuito il vantaggio sugli inseguitori. Bisogna tornare sul podio, quindi servirà una grande prestazione in occasione della prossima corsa, l’E-Prix di Roma.In questo contesto Mahindra “giocherà in casa” dal momento che la sede di Mahindra Europe è proprio nei pressi della capitale. La filiale europea è operativa dal 2005 e opera in 10 mercati: Italia e Spagna, nell’ordine, sono i due più importanti. Il week-end di gara a Punta del Este fin dalle prove si è rivelato problematico per Mahindra. Non sono state raggiunte le aspettative della vigilia, con entrambi i piloti autori di piccoli errori e quindi fuori dalla super pole, obbligati a schierarsi nella seconda parte della griglia di partenza. Subito dopo il via, nella prima parte di gara c’è stato il ritiro di Heidfeld, mentre per Rosenqvist in questa occasione non è stato possibile raggiungere il podio, anche se rimontare in gara è una delle sue specialità.Sarà per la prossima volta a Roma, quartiere EUR, il prossimo 14 aprile, per il ritorno in Europa della Formula E.

Leggi anche