motorsport

Italian baja d’autunno ultimo appuntamento della stagione

Alla Baja Costa Smeralda Sardegna, Suzuki si era presentata con una delle perle più brillanti della sua scuderia di giovani piloti scoperti e lanciati dalla Suzuki Rally Cup: quell’Andrea Crugnola che vinse la seconda edizione della serie monomarca delle Swift Sport 1600 Gruppo N ed oggi validissimo rallista a livello internazionale. Con il pilota varesino al volante del Grand Vitara 3.6 V6 T1, Suzuki ha sbancato la prova sarda del Campionato Italiano Cross Country Rally.

Ad un mese di distanza dall’affermazione, Suzuki cala un altro asso nella serie tricolore fuoristrada: Andrea Dalmazzini, modenese, anche lui esempio vincente di Suzuki, vincitore del titolo assoluto del Cross Country Rally nel 2014 con il Grand Vitara ed oggi primo Campione Italiano Rally Terra. L’emiliano, in coppia con il toscano Giacomo Ciucci, in occasione dell’imminente Italian Baja d’Autunno ritroverà l’abitacolo del Grand Vitara 3.6 V6 con il quale vinse il primo scudetto in carriera.

Anche all’Italian Baja d’Autunno, Suzuki onora la carriera ed i successi sportivi dei giovani piloti che hanno iniziato la loro attività agonistica con i Trofei Suzuki, auto e fuoristrada, e che oggi sono diventati affermati campioni nelle rispettive specialità.

L’iniziativa di valorizzazione dei giovani piloti, istituita in questo scorcio di fine stagione, proseguirà ed importanti novità sono attese nel futuro nei confronti di quanti hanno debuttato e si sono formati con auto o fuoristrada Suzuki, quindi raggiunto importanti risultati nelle serie sportive della Casa di Hamamatsu e successivamente saliti nell’olimpo del Motorsport.

Sabato 11 e domenica 12, la campagna friulana a ridosso del fiume Tagliamento vedrà sfrecciare anche il secondo Grand Vitara 3.6 V6 T1 di Suzuki, condotto dai pordenonesi Andrea Tomasini e Mauro Toffoli, a confermare le ottime prestazioni parziali ottenute nelle precedenti due gare.

Leggi anche